Un gruppo di ragazzi, una macchina, tanti chilometri da percorrere e molte avventure bizzarre lungo il cammino. Ad occhio e croce sembrerebbe la trama di un film adolescenziale, ma è, a grandi linee, la struttura del tanto atteso Final Fantasy XV. Dopo il travagliato processo di sviluppo che ne ha più volte rimandato l’uscita fino al 29 novembre 2016, al momento solo su console, il titolo Square-Enix si presenta traboccante di contenuti e soprattutto ricco di novità in netto contrasto con la storia del brand. Parleremo di questi ed altri fattori in un articolo dedicato, ma prima di entrare nel cuore del gameplay voglio focalizzare l’attenzione su uno dei pilastri della produzione, ovvero i 4 protagonisti della storia.

FINAL FANTASY XV_20161201134103

Final Fantasy XV: I personaggi – Recensione Parte 1

Fratellanza

Il perno centrale della storia ruota attorno al Regno di Lucis e al matrimonio tra il Principe Noctis, figlio di Regis, e la giovane Lunafreya, Sciamana di Tenebrae. Il sodalizio avrebbe dovuto permettere al sovrano di mantenere la pace tra il proprio Regno e l’Impero di Niflheim, costretto dietro le mura di Insomnia dalla magia dell’Anello dinastico e del Cristallo, prestigiosi manufatti di cui solo i legittimi sovrani di Lucis possono fregiarsi. Le belle cinematiche di apertura che presentano i personaggi realizzati da Tetsuya Nomura ci congedano frettolosamente da Insomnia alla volta di Altissia, dove si celebreranno le nozze tra i due giovani, permettendoci di cominciare ad esplorare la parte orientale di Eos a bordo della mitica Regalia, il bolide del principino.

FINAL FANTASY XV_20161204114541

L’apertura non presenta a dovere il simpatico gruppetto con cui avremo a che fare per le prossime 50-60 ore di gioco, che ricalca gli stereotipati personaggi delle pellicole cinematografiche alla Road Trip a bordo di un fuoristrada nel deserto del Mojave, con l’aggiunta di capigliature improponibili, truzzaggine e un pizzico di emo. Noctis, per cominciare, è il classico protagonista silenzioso dal poco spiccato senso della leadership. Poi c’è Gladio, alto, muscoloso e tatuato…il tipico personaggio armato di spadone e con più punti vita del gruppo. L’intelligentone della comitiva con occhiali al seguito è Ignis, sempre pronto a dispensare consigli, mentre il ruolo del simpaticone con la testa tra le nuvole spetta a Prompto. Gli ingredienti per un viaggio indimenticabile sono principalmente racchiusi in questo gruppetto di ragazzi disegnati a dovere, legati da un forte senso di amicizia raccontato in 5 episodi nella serie cartoon Brotherhood, che vi invito fortemente a guardare – è disponibile sul canale Youtube ufficiale.

Te la spacco quella reflex

FINAL FANTASY XV_20161204115740

La profilazione caratteriale dei personaggi è uno degli aspetti più difficili da curare in un videogioco, ma, quando un team di sviluppo fa centro, ecco spalancarsi le porte del successo. E questo è proprio il caso di Final Fantasy XV, che fa della caratterizzazione del gruppo uno dei fattori principali della produzione. Tanto per cominciare, ciascun componente della comitiva ha un hobby, un talento di natura che ne caratterizza – appunto – il profilo caratteriale, permettendoci di andare al di là delle solite banalità legate ai giochi di ruolo. Avreste mai immaginato Noctis, il Principe dell’unico Regno non ancora caduto sotto l’Impero, con gli occhi a cuoricino alla vista di un lago in cui è possibile pescare? Ebbene sì, il protagonista delle vicende, tra una magia e l’altra, ama rilassarsi con una bella canna da pesca in riva a un laghetto tranquillo, cercando di catturare tonni e spigole del mondo di Eos. Il pescato si rivela utile per il cuoco del gruppo, Ignis, che ogni volta che decideremo di accamparci fuori da zone residenziali preparerà piatti prelibati ottenuti con gli ingredienti raccolti durante l’esplorazione. Prompto e la sua reflex, come un cinese a Roma – ma in realtà un po’ tutti siamo così alla vista della splendida Capitale – catturerà i momenti più interessanti tra un accampamento e l’altro, permettendoci di ottenere un book fotografico dell’intera esperienza trascorsa fuori dalle mura di Insomnia. Per finire, Gladio è quello col talento più nascosto, in quanto per soddisfare la sua voglia di esplorazione basterà camminare in lungo e in largo.

FINAL FANTASY XV_20161202114850

Come gli sviluppatori siano riusciti a sfruttare ciascun hobby ha, poi, altri spunti interessanti. Ciascun talento contribuisce in maniera più o meno determinante all’evoluzione dei personaggi in chiave ruolistica, considerando che ogni talento è suddiviso su una scala a 10 livelli che migliora con l’utilizzo, apportando benefici più o meno tangibili all’esplorazione. Mentre Noctis migliora le sue skill da pescatore alla faccia di Sampei, riusciremo a catturare pesci sempre più grandi e rari, da rivendere a suon di Guil – la moneta in vigore ad Eos – o da utilizzare come ingredienti a costo zero per i gustosi piatti di Ignis. Ampliando il ricettario di quest’ultimo, avremo accesso a portate più benefiche per il gruppo, in grado di facilitare i combattimenti più insidiosi e lunghi. Uno dei talenti più utili è quello di Gladio, l’avventuriero della comitiva, per gli amici Gazza ladra, perché ad ogni combattimento riuscirà a rimediare un loot via via più importante e raro. L’hobby per la fotografia di Prompto, invece, sarà molto utile per… scatti e selfie più nitidi e ricchi di effetti. Beh, un viaggio senza fotografie che senso ha?

Ed è solo il contorno…

FINAL FANTASY XV_20161129194219Utili o meno, questi talenti permettono al videogiocatore di sviscerare gli aspetti caratteriali di ciascun personaggio, e non rappresentano un mero espediente di gameplay per allungare il brodo – non ce ne sarebbe stato bisogno, comunque – sulla falsariga di quella piaga che chiamiamo “collezionabili”. Chi vorrà migliorare il talento di Noctis avrà a disposizione tutta l’attrezzatura per la pesca, dalle canne alle lenze con resistenze diverse, passando per decine di esche pensate per catturare particolari tipi di pesci. I modi per ampliare il ricettario di Ignis sono tantissimi, dalla raccolta degli ingredienti durante l’esplorazione all’acquisto di guide culinarie, passando per i menu dei punti di ristoro, giornali e tanto altro. E per chi vuole approfondire il level up dei talenti presenti in FFXV, può consultare la guida strategica dedicata.

FINAL FANTASY XV_20161204194641Entrando nel menu Galleria dal pannello principale abbiamo la possibilità di apprendere ulteriori dettagli circa i talenti dei nostri amici, consultando i piatti conosciuti da Ignis – con benefici e ingredienti – i pesci acciuffati da Noctis e le foto scattate da Prompto, con la possibilità di salvare gli scatti più carini – peccato il limite di 150 fotografie – e persino regolare l’uso di ciascun filtro. Il gruppetto dei 3 coprotagonisti si renderà spesso promotore di consigli e quest, proponendo al principino di visitare i posti più interessanti dell’area o di sostare presso qualche accampamento. Questi suggerimenti agiscono come una sorta di tutorial nascosto che guida l’utente verso un modo di esplorare più consapevole; in tal senso, per esempio, Ignis si rifiuterà di guidare di notte per timore dei Daemon, mentre Prompto – da inguaribile cazzeggiatore – spingerà all’inverosimile per salire in groppa ai Chocobo durante le scampagnate.

FINAL FANTASY XV_20161205120444L’attenzione di Square-Enix verso aspetti così marginali – se consideriamo l’opera nella sua totalità – ha dell’incredibile, tanto che asseconderemo più che volentieri piccole deviazioni a bordo della Regalia quando Prompto ci chiederà di metterci in posa sotto una montagna dalla forma strana ed accetteremo di buon grado qualche investimento per la pesca e la cucina a discapito di equipaggiamento più utile in battaglia. Insomma, nonostante si stia parlando di elementi di contorno, abbiamo a che fare con un sistema profondo e variopinto, inteso esclusivamente a dare al gruppo l’importanza che merita e senza togliere al videogiocatore tempo prezioso per fare cose più utili.

Cercate un open world in cui tutto serve a qualcosa e non ha futili collezionabili? Final Fantasy XV.

Ulteriori informazioni

Per rimanere aggiornato sulle ultime novità, continua a seguire la rete Social di Nextgentech.it, tramite i canali Facebook, Twitter, Youtube e Google+.

CONDIVIDI SU:Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

VALUTAZIONE
9,0
Commento finale
Stereotipati sì, ma solo a primo impatto. Tutto ciò che ruota attorno al gruppo di protagonisti che domina la scena di Final Fantasy XV potrebbe tranquillamente rappresentare un gioco a parte. Potenziare i talenti e rimediare l’attrezzatura necessaria per salire di livello richiede investimenti di tempo e Guil, rivalutando completamente il senso degli aspetti marginali all’interno di un open world. Gli sforzi profusi da Square-Enix per caratterizzare al meglio i main characters permettono agli utenti di ottenere un doppio beneficio: da una parte vi è un maggior coinvolgimento verso la storia principale e gli avvenimenti che il gruppo è costretto a fronteggiare; dall’altra parte, la profonda caratterizzazione dei personaggi aiuta a progredire nella storia e nelle abilità senza il consueto e tedioso peso dei collezionabili. Insomma, ognuno è partecipe a modo suo, ed è già una gran bella vittoria.
PRO
Profonda caratterizzazione dei personaggi
Il mondo di Eos è ricco e ben definito
Combat system appagante
Ottimo sistema di progressione del personaggio
Storia interessante e struttura non dispersiva
Ricchissimo di contenuti
CONTRO
Telecamera scomoda durante i combattimenti più frenetici e in notturna
L'IA dei compagni a volte lascia a desiderare