L’affidabilità dei prodotti Logitech è riconosciuta in tutto il settore, ma se c’è una famiglia di dispositivi più interessante da scoprire e vicina alle esigenze degli utenti, questa è tutto il brand “Logitech G”, ovvero la branca di periferiche votate al gaming. In questo articolo andiamo a scoprire la proposta di fascia media tra le tastiere attualmente sul mercato, la Logitech G213 Prodigy. La parola chiave, come sempre, è “User Experience”.

Logitech G213 Prodigy – Recensione

Specifiche tecniche

Layout Full Layout a membrana
Retroilluminazione RGB
Tasti macro No
Resistenza agli schizzi Fino a 60 ml
Dimensioni 21,8 x 45,2 x 3,3 cm
Peso 1 kg

Confezione e materiali

Logitech G213 Prodigy (1)La confezione di vendita di G213 Prodigy ricalca quanto già visto per gli altri prodotti Logitech; non sono presenti, quindi, accessori extra come una custodia, e il poggiapolsi è integrato nella carcassa a formare un unico blocco rigido. Il rivestimento dello chassis è in nero opaco, con tasti lisci progettati per avere buona affordance, mentre il poggiapolsi è leggermente ruvido. Logitech ha preferito dotare la G213 Prodigy di un design quanto più uniforme possibile, infatti il nero opaco non è solo la tonalità predominante, ma è l’unica lungo l’intera superficie del prodotto. Nonostante si tratti di una keyboard da gioco, la tastiera non presenta alcun tasto macro e/o con funzionalità aggiuntive, se non i pulsanti per comandare la multimedialità riposti sopra il tastierino numerico – e dotati di una forma particolare per evidenziarne la natura. Sopra i tasti funzione sono presenti 4 LED di stato: oltre a quelli comuni (num/caps/scroll lock) troviamo anche la spia dedicata alla Game Mode, attivabile tramite pulsante posto accanto e a sua volta allineato a quello per l’ON/OFF della retroilluminazione.

Non è prevista interfaccia I/O extra e il cavo USB, intrecciato, è integrato nella carcassa. Nella parte posteriore non mancano i canonici piedini per inclinare leggermente la tastiera; tutto il retro presenta numerosi gommini antiscivolo per garantire l’aderenza della tastiera su qualsiasi superficie. Globalmente, G213 Prodigy si mostra come una tastiera apparentemente non gaming e con una buona densità di tasti rispetto all’intera superficie. Gli switch non sono a corsa rapida e ben distanziati tra loro, a vantaggio di chi preferisce un’esperienza utente vecchio stile. Le dimensioni globali sono nella norma per una full layout, che nel caso specifico è US.

Software ed Esperienza d’uso

Logitech G213 Prodigy (5)Vale la pena ricordare che, in quanto destinata alla fascia di prezzo centrale, Logitech G213 Prodigy è una tastiera progettata per soddisfare le esigenze più comuni dei videogiocatori, ma senza strafare nè a livello estetico nè funzionale. Ciò che garantisce, comunque, lo propone con la solita qualità che contraddistingue il brand. Un punto da non sottovalutare, ad esempio, è la presenza del poggiapolsi, uno strumento che in casa Logitech non è mai realmente passato di moda. Ottima anche l’ergonomia restituita dai tasti, con la forma dei pulsanti per la multimedialità che invita all’uso e non si tratta, quindi, di un semplice discorso estetico. Seppur si tratti di una tastiera a membrana, che molti danno per soluzione poco adatta al gaming, l’esperienza utente con la G213 è positiva sotto qualsiasi prospettiva. La digitazione dei tasti ad esempio è eccellente, in quanto la pressione da esercitare durante l’uso non è eccessiva e il recepimento dell’informazione è immediato; rispetto ai prodotti gaming, la Prodigy è carente a livello macro e seconde funzioni, aspetto comunque gestibile – parzialmente – dal software di gestione. Non si tratta, quindi, di una keyboard da bocciare per il gioco solo per la sua natura a membrana: al contrario, ben si sposa con ogni contesto d’utilizzo e senza mostrare veri punti deboli.

G213 Prodigy non poteva sottrarsi alla compatibilità con Logitech Gaming Software, il pannello di controllo ufficiale del brand. Le funzioni messe a disposizione con l’applicazione sono le più comuni, tra cui spicca la regolazione della retroilluminazione rigorosamente RGB. Il tutto passa ovviamente dalla scelta delle tonalità – per colorare il telaio a proprio pacimento – al possibile effetto di illuminazione da abbinare. Spazio alla creatività, come al solito, ma anche all’aspetto più funzionale come la personalizzazione della Game Mode – per disabilitare determinati pulsanti “fastidiosi” per il gioco, come il tasto Win – e delle seconde funzioni.

Ulteriori informazioni

Per rimanere aggiornato sulle ultime novità, continua a seguire la rete Social di Nextgentech.it, tramite i canali Facebook, Twitter, Youtube e Google+.


VALUTAZIONE
Commento finale
Logitech G213 Prodigy è una tastiera che rispecchia appieno il suo inquadramento sul mercato. Si tratta di una keyboard di fascia centrale che, in virtù delle ottime politiche di Logitech, mostra pochi punti deboli se confrontata con le concorrenti. L’User Experience è mantenuta come sempre al primo posto grazie ad alcune finezze progettuali, ma il lato gaming è meno evidente rispetto ai modelli di punta. Il costo è assolutamente ragionevole.
8
Progettazione e materiali 8,5 Design 8,5 Usabilità ed ergonomia 8,5 Caratteristiche extra 7
PRO
Esperienza utente top
Diverse finezze
Ottima risposta ai comandi
CONTRO
Meno gaming di altre soluzioni a parità di prezzo