Probabilmente non verrà ricordato con la stessa enfasi con cui si rammenta il lancio del primo iPhone, ma l’evento è comunque epocale: Samsung Galaxy S8 (e la sua versione Plus con schermo leggermente più grande) segna un punto di svolta deciso per il mondo degli smartphone. L’abbattimento delle cornici in favore di un display leggermente curvo su entrambi i lati (a completare l’esperienza proposta dal modello Edge) è qualcosa di unico e innovativo per il mercato, al punto da rendere già obsoleti, perlomeno sotto certi aspetti, modelli top di gamma rilasciati in contemporanea da altri competitor, come Sony Xperia XZ Premium e LG G6.

Samsung Galaxy S8 – Recensione

Specifiche tecniche

Sistema Operativo Android 7.0 TouchWiz UI Nougat
CPU SAMSUNG Exynos 8895 Quad-core 2.3 GHz + Quad-core 1.7 GHz
Memoria RAM 4 GB
Display 5,8” Super AMOLED
Risoluzione 1440×2960, 570 ppi
GPU Mali-G71 MP20
Memoria di archiviazione 64 GB
Batteria 3000 mAh
SIM NanoSIM
Fotocamere 12 MP posteriore / 8 MP frontale
Dimensioni 148.9 x 68.1 x 8 mm
Peso 155 grammi

Confezione e materiali

IMG_6881Dicevo, la caratteristica più interessante, nonché punto di rottura col passato, è l’adozione di un pannello Super AMOLED Gorilla Glass 5 che copre i lati destro e sinistro fino ai tasti posti all’esterno della carcassa (power, volume e assistente). Si tratta, per dirla in termini semplici, di un “full Edge”, ovvero un S7 Edge privo di cornici. La novità, però, riguarda anche la parte inferiore dove scompare il tasto fisico, rimpiazzato da un soft touch con feedback. L’eliminazione della cornice gioca un ruolo fondamentale – seppur non così incisivo come ai lati – nella fruizione dei contenuti, resa ancora più immersiva grazie agli angoli stondati della superficie “pixellata”.

Questa grande innovazione architetturale trova risposta anche nel design, che non presenta alcun angolo spigoloso: nonostante il monolito rettangolare che caratterizza Galaxy S8, Samsung ha disposto una carcassa priva di spigoli, adottando diverse rotondità in linea con lo schermo. La parte posteriore segue perfettamente i bordi dello schermo e vi si allinea in maniera naturale a formare un unico blocco nero, con superficie leggermente riflettente in metallo. Il risultato di questa scelta progettuale si traduce in uno smartphone elegante e decisamente prezioso, che io consiglio proprio nel suo colore più neutro: il nero.

IMG_1993Lo smartphone è corredato, ovviamente, da tutti i sensori e moduli del caso, tra cui l’altoparlante mono in basso e il sensore di impronte digitali accanto alla camera posteriore. Da non sottovalutare, infine, l’impermeabilità IP68. Per quanto riguarda la disposizione di tasti e slot, sulla parte destra abbiamo il pulsante accensione/spegnimento, mentre sul lato sinistro il turner del volume e l’assistente Bixby; lo slot per SD Card/nanoSIM è posto in alto.
All’interno della confezione, invece, troviamo un adattatore TypeC-MicroUSB, cavo di ricarica TypeC, caricabatterie da viaggio e degli ottimi auricolari AKG in-ear con cavo intrecciato, che aggiungono ulteriore qualità al tutto.

Display

IMG_6875Le considerazioni sull’esperienza d’uso partono, ovviamente, dallo schermo. Non nego che, appena aperta la confezione, sia rimasto un po’ deluso dall’aspetto estetico di Galaxy S8: me lo immaginavo un po’ più “spettacolare”, e invece mi sono ritrovato davanti l’ennesimo smartphone non poi così innovativo. Tutto è cambiato, però, una volta acceso. L’AMOLED da 5.8 pollici è semplicemente magnifico: risoluzione eccellente, luminoso, colori vivaci e, soprattutto, privo di bordi. L’effetto spacca-mascella si ha soprattutto sfogliando pagine di testo e feed come siti di notizie, Facebook e via discorrendo, ovvero laddove il contenuto degli articoli e dei post viene spalmato parzialmente sui due bordi. Con le applicazioni compatibili, è possibile sfruttare la modalità Tutto schermo, grazie alla quale l’app viene adattata all’interno pannello: in questi casi, come anticipato, Samsung adotta angoli arrotondati di sicuro impatto. Sfruttando la bellezza del display e la sua natura AMOLED, Samsung ha previsto la possibilità di mantenere lo schermo always ON riducendo i consumi: attivando tale modalità, comunque opzionale, Galaxy S8 rimane sempre attivo mostrando orario, notifiche e altre informazioni – tra cui una foto. Interessante la possibilità di modificare lo sfondo o di mantenere il bel tema spaziale preimpostato, leggermente dinamico e molto immersivo. Ovviamente la fedeltà dei colori è garantita: niente schermo giallastro o bluastro, il nero è nero, il bianco è bianco. L’esperienza, insomma, complice anche l’alta risoluzione – peraltro settabile – e la densità di pixel da 570 ppi, è vicina alla perfezione.

L’eliminazione del tasto centrale ha permesso a Samsung di estendere il pannello verso il basso, guadagnando 0.3 pollici – S8 ha all’incirca le stesse dimensioni degli smartphone da 5,5”. Per tale scelta progettuale, sono state adottate nuove strategie di sblocco, per la precisione 3:

  • Tasto Soft Touch in basso
  • Tasto power
  • Impronte digitali

La via più debole, a mio avviso, è quella del soft touch che, nonostante i settaggi relativi al feedback, trovo impreciso e lento. Il tasto power ci costringe a passare per una schermata di sblocco intermedia, mentre il sensore delle impronte digitali, seppur talvolta difficile da raggiungere perché troppo in alto, risulta la strada più veloce e precisa.

PAGINA 2: Software, User Experience e Comparto multimediale

1 2

Ulteriori informazioni

Per rimanere aggiornato sulle ultime novità, continua a seguire la rete Social di Nextgentech.it, tramite i canali Facebook, Twitter, Youtube e Google+.

CONDIVIDI SU:Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+

VALUTAZIONE
Commento finale
Samsung Galaxy S8 cambia finalmente le carte in tavola, proponendo un’esperienza d’uso innovativa e di altissimo livello. Gli ingegneri Samsung che hanno guidato la parte progettuale hanno fatto centro grazie allo schermo ricurvo e la maggiore densità di pixel rispetto alla classica carcassa da 5,5”. Al tempo stesso, tutta la parte Software è in grado di supportare l’utente in qualsiasi attività - anche con monitoraggio autonomo - garantendo una delle esperienze d’uso più curate, profonde e appaganti del mondo degli smartphone.
9
Materiali e design 9 Caratteristiche fisiche ed ergonomia 9,5 Caratteristiche hardware 9 Software e multimedialità 9
PRO
Progettazione meticolosa e innovativa
Grande attenzione all'usabilità
Comparto hardware e fotografico top
CONTRO
Si scalda facilmente