Indice

La gestione della nave spaziale e degli avamposti può essere molto spiazzante, sia per l’assenza di un vero e proprio tutorial, sia perché si tratta di una meccanica del tutto nuova in un’opera Bethesda (qualcosa di simile è stato solamente abbozzato in passato). In questa parte della guida proverò quindi a fare luce su questi due elementi.

La nave spaziale

Comincerai l’avventura con la Frontier, la nave spaziale che Barrett ti lascerà in dote. In qualunque momento durante il volo, potrai riequilibrare un totale di “punti potenza” tra le 6 caratteristiche base della nave:

  • LAS: Potenza delle armi laser
  • BAL: Potenza delle armi balistiche
  • MIS: Potenza dei missili
  • MOT: Potenza del motore (velocità)
  • SCD: Scudi (totale della protezione e difesa)
  • GRV: Velocità di carica della spinta

Come calibrare la potenza della nave dipenderà dalle circostanze: se prevedi di effettuare semplici esplorazioni, puoi togliere potenza da armi e scudi e aggiungerla al motore; al contrario, se intendi assalire altre navi (o vieni ingaggiato) conviene rinforzare scudi ed armi.

In volo dovrai anche tenere conto della “salute” della nave spaziale, indicata in basso a destra: la barra bianca indica lo stato di salute, mentre il numero rappresenta la quantità di scudi disponibili. Assicurati di avere un buon numero di “parti di nave” prima di partire, che ti serviranno per ripristinare la salute del tuo bolide aerospaziale.

Personalizzare la nave spaziale

La gestione della nave spaziale in Starfield passa dall’acquisto di un nuovo bolide volante, alla sua customizzazione, passando per la possibilità di attaccare navi altrui nello spazio e rubarle direttamente in volo. La personalizzazione della nave passa tra i seguenti elementi: abitacolo, motore, generatore di scudi, armi, gravimotore, reattore, cappottatura, moduli abitativi, stiva, sezione di atterraggio ed altri elementi di corredo.

Potrai dare alla tua nave la forma e le caratteristiche che ritieni più opportuni, pur tenendo in considerazione la necessità di possedere almeno il cockpit e i motori, ovvero moduli essenziali per decollare e pilotare.

Per modificare la tua nave dovrai parlare con un tecnico (disponibile nell’area di atterraggio dei maggiori centri), capace anche di venderti nuovi veicoli.

Rubare una nave spaziale

Se non hai intenzione di personalizzare la tua nave o ti mancano le skill per creare i moduli migliori, un buon upgrade consiste nel rubare la nave altrui (meglio se nemiche). Il primo elemento necessario è l’abilità controllo puntamento, dalle skill di tecnologia: questo ti permetterà di attaccare moduli specifici delle navi nemiche, ed è fondamentale perché per approcciare una nave dovrai disabilitare i suoi motori. A questo punto, avvicinati al bersaglio e scegli l’opzione di abbordaggio.

Prima di mettere le mani sul volante dovrai far fuori tutta la squadra presente sulla nave e, a patto di possedere la giusta abilità da pilota, potrai far tuo il nuovo bolide e portarlo allo spazioporto più vicino per la registrazione.

Avamposti

La gestione degli avamposti in Starfield è il classico esempio del “apprezzo l’impegno, ma non ci siamo”: il potenziale di questa meccanica gestionale è alto, con la possibilità di creare un vero e proprio insediamento industriale e minerario, ma decisamente disorganizzata.

Partendo dal principio, in Starfield l’avamposto può essere usato come base su un pianeta fine a sé stessa (con banchi da lavoro, letto, equipaggiamento, postazioni difensive e spazio di atterraggio per la nave) e/o come stazione industriale, per la raccolta dei minerali e la condivisione delle materie prime tra i vari avamposti.

Il posizionamento di un avamposto avviene con il comando apposito in modalità scansione, e prima di avviare la costruzione è opportuno scegliere il pianeta con le giuste risorse (e bioma) su di un’area pianeggiante.

Step 1 – Per costruire una stazione industriale è necessario:

  • Costruire gli estrattori: servono ad estrarre le risorse offerte dall’area (avrai un’anteprima prima di posizionare l’avamposto)
  • Costruire le forniture di energia: alcuni elementi, come gli estrattori, per funzionare richiedono energia
  • Collegare le fonti energetiche agli elementi che richiedono energia: lo si fa tramite la modalità modifica, tracciando il link con un cavo energetico rosso partendo da uno dei due dispositivi coinvolti

Questo semplice meccanismo collega l’estrattore alla fonte energetica: l’estrattore comincerà a lavorare, accumulando al suo interno il minerale raccolto, che dovrai andare a recuperare manualmente ogni tot di tempo.

Step 2 -Per automatizzare la raccolta, portando i minerali direttamente alla stiva della nave, devi collegare degli storage:

  • Costruire un container di trasferimento: consente di trasferire oggetti dall’avamposto alla nave spaziale
  • Collegare il container ad estrattori e costruttori
  • Costruire e collegare depositi (opzionale): esiste un deposito per ogni tipologia di materiale. Puoi collegarlo tra l’estrattore e il container

In questo modo, avrai potenziato lo storage temporaneo dell’avamposto, prevedendo l’automatismo per portare le risorse alla nave spaziale. 

Step 3 – Puoi creare un sistema di condivisione delle risorse tra avamposti costruendo un collegamento merci che abbia un link diretto con un container. Esistono 2 tipologie di collegamento merci:

  • Base: permette lo scambio di risorse tra avamposti dello stesso sistema solare
  • Intersistema: permette lo scambio di risorse tra avamposti di sistema solare differente

Per costruire l’avamposto potrai utilizzare 2 modalità:

  • Modalità creazione: permette di scegliere i singoli elementi da costruire
  • Modalità modifica: permette di creare i collegamenti di energia e trasferimento minerali, o di spostare/ruotare gli elementi

Per modificare l’avamposto e inserire gli elementi anche all’interno delle stanze, è sufficiente aprire lo scanner e premere il tasto adibito alla creazione dell’avamposto.

Ovviamente, le possibilità di costruzione possono essere migliorate con le varie abilità del personaggio.

Equipaggio

Alla nave spaziale e agli avamposti è possibile assegnare un certo numero di membri dell’equipaggio, da reclutare in giro per le città. L’obiettivo di questa gestione sta nel corretto bilanciamento delle varie abilità di ciascun personaggio: assegnando una persona abile nella difesa alla nave spaziale, ad esempio, riceveremo punti aggiuntivi negli scudi, così come assegnare uno specialista di avamposti ad un nostro avamposto ci consentirà di usufruirà della sua abilità.

Taglia, contrabbando e oggetti rubati

Approcciando un sistema solare controllato da una fazione principale (United Colonies o Freestar Collective) la tua nave spaziale verrà scansionata alla ricerca di merce da contrabbando o per valutare se sulla tua testa c’è una taglia. Per evitare di farti sgamare con elementi illegali nell’inventario, dovrai dotare la tua nave di una stiva di carico protetta, che potrà essere acquistata presso NPC specifici (al Miglio Rosso o al The Key, entrambi raggiungibili con quest) o smantellata da una nave che ne è in possesso (tipicamente assaltando pirati o contrabbandieri).
Una volta montato questo modulo sulla tua nave, ricordati di spostare tutta la merce di contrabbando lì dentro e, solo dopo, approcciare al sistema solare controllato da una fazione.

Puoi vendere la merce da contrabbando senza subire una scansione nei seguenti pianeti: The Den (Sistema Lupo) e The Key (Sistema Kryx); altrimenti, potrai venderla anche a New Atlantis, Neon, Cydonia e Akila City seppur post scansione.
Puoi anche conservarla in sicurezza presso una tua abitazione o un avamposto posizionato in un sistema solare non sottoposto a vigilanza.

Ulteriori informazioni

Per rimanere aggiornato sulle ultime novità, continua a seguire la rete Social di Nextgentech.it, tramite la pagina Facebook.

CONDIVIDI SU:Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter


Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.