Destiny 2: La Forma Ultima è l’epilogo che tutti i Guardiani aspettavano. Sviluppato e pubblicato da Bungie, il capitolo segna il culmine di una saga decennale che ha tenuto incollati milioni di giocatori ai loro schermi. Disponibile dal 4 giugno 2024, il gioco è accessibile su PC tramite Steam ed Epic Games Store, oltre che su tutte le console di nuova generazione. La Forma Ultima promette di essere un’esperienza coinvolgente sia per i veterani che per i nuovi arrivati.

Destiny 2: La Forma Ultima – Recensione

Ritorno tra i Guardiani

Il gioco si svolge nel Pallido Cuore del Viaggiatore, un’area inedita che offre sfide e meraviglie visive, attraverso una campagna lodata come la migliore della serie, con una narrazione che cattura e personaggi iconici che fanno il loro ritorno. La storia di Destiny 2: La Forma Ultima è un intreccio di mitologia spaziale e drammi cosmici che ti lascia con più domande che risposte, nel miglior modo possibile. Immagina di essere un Guardiano, un difensore dell’umanità con il potere di manipolare una forza misteriosa chiamata Luce. Ora, pensa di dover affrontare Savathûn, la Regina Strega, che si è appropriata di questi poteri divini. La storia si svolge nel suo Mondo del Trono, un luogo che è un mix tra il giardino dell’Eden e il tuo peggior incubo. È un posto che ti fa dire: “Ok, qui c’è qualcosa che non quadra”.

La trama si dipana come un giallo interstellare, dove ogni pezzo del puzzle ti porta a scoprire di più su questa entità chiamata il Testimone e i suoi piani sinistri. E mentre ti addentri in questa avventura, ti ritrovi a fare i conti con la tua morale, perché, amico mio, qui la linea tra bene e male è più sfumata di un tramonto su Marte. La Forma Ultima non è solo una questione di sparare a tutto ciò che si muove. È una storia di tradimenti, sacrifici e rivelazioni che ti fanno rimettere in discussione tutto ciò che pensavi di sapere sui Guardiani e sulla Luce stessa. E la Regina Strega? È un personaggio che ti affascina e ti terrorizza allo stesso tempo, con un piano che è tanto geniale quanto diabolico. In breve, la storia di Destiny 2: La Forma Ultima è come una serie TV di quelle che ti tengono incollato allo schermo fino alle tre di notte, perché devi assolutamente sapere cosa succede dopo. La campagna principale è un viaggio emozionante, con colpi di scena che ti tengono incollato alla sedia e con personaggi sono scritti benissimo, grazie anche a dialoghi che sembrano usciti da una serie TV di alto livello. E quando finalmente arrivi alla fine, ti lascia con quella sensazione di vuoto, perché sai che dovrai aspettare la prossima stagione per avere delle risposte. E fidati, le risposte valgono la pena di essere aspettate.

Il letale mix Prismatico

Immagina di calarti nei panni di un Guardiano, pronto a esplorare il Pallido Cuore del Viaggiatore. Questo luogo è una novità assoluta per la serie, un’area che sembra sospesa tra realtà e fantasia, con paesaggi che ti lasciano a bocca aperta e nemici che ti fanno venire i brividi solo a guardarli. Il bello di Destiny è sempre stato il sentirsi parte di un universo vasto e pieno di storie, e in questo capitolo, ti senti veramente come se ogni angolo nascondesse un segreto o una sfida da superare. Il combattimento? È fluido come l’olio, con armi che hanno un “kick” soddisfacente e abilità che ti fanno sentire onnipotente.

La novità più interessante che porta in dote l’espansione di Bungie è la nuova classica Prismatica, che introduce un’esperienza di gioco innovativa e dinamica. Questa sottoclasse permette ai giocatori di combinare gli elementi dell’arco, solari, del vuoto, della stasi e della telascura per personalizzare la propria sottoclasse in modi unici. I giocatori possono raccogliere poteri e configurare le loro abilità senza limiti, cancellando ogni confine tra le abilità che padroneggiano. La classe offre anche la possibilità di utilizzare oggetti di classe esotici che dotano il personaggio di due poteri esotici, permettendo una personalizzazione ancora più profonda. Il vantaggio di questa struttura così customizzabile è anche quello di incoraggiare i giocatori a scendere in campo e armonizzare Luce e Oscurità per sbloccare nuove abilità e scatenare il vero potere prismatico. Analogamente, anche i nuovi nemici affrontati, i Terrori, che rappresentano una minaccia emergente sotto l’influenza del Testimone, ed includono simulacri, arcigni, presagi e tessitrame, ognuno con le proprie abilità e sfide.

Nonostante le ottime carte messe in gioco, il tutto non è esente da difetti, soprattutto sotto il profilo del bilanciamento generale. Alcuni Guardiani hanno mormorato sul fatto che la nuova sottoclasse Prismatica sembra avere un vantaggio ingiusto, quasi come se avesse barato al momento della distribuzione dei poteri. E poi ci sono i puzzle: a volte ti ritrovi a girare in tondo, a chiederti se il prossimo passo sia un salto di fede in un baratro senza fondo o se ci sia qualche indizio nascosto che ti sta sfuggendo. Inoltre, non si può nascondere una certa ripetitività nelle missioni secondarie, che a volte sembrano un po’ un riempitivo più che un’aggiunta significativa al gioco. E poi c’è il problema del bilanciamento: al netto della Prismatica, tra le varie classi e sottoclassi in generale, sembra che alcune combinazioni di abilità siano un po’ troppo potenti, rendendo l’esperienza di gioco meno equilibrata di quanto si vorrebbe.

Dal punto di vista tecnico, La Forma Ultima è un gioiello. Il comparto grafico è mozzafiato, con ambientazioni dettagliate che spaziano dal maestoso al sinistro. L’audio è altrettanto impressionante, con una colonna sonora che accentua ogni momento del gioco. Tuttavia, alcuni giocatori hanno riscontrato problemi di ottimizzazione, soprattutto nelle versioni console, con cali di frame rate durante le sessioni di gioco più intense. Il multiplayer rimane uno dei punti di forza, con un’esperienza cooperativa e competitiva che continua a essere tra le migliori offerte dal genere.

Ulteriori informazioni

Per rimanere aggiornato sulle ultime novità, continua a seguire la rete Social di Nextgentech.it, tramite la pagina Facebook.

CONDIVIDI SU:Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter

VALUTAZIONE
8,5
Commento finale
Destiny 2: La Forma Ultima è un’espansione che non delude. Chiude una storia iniziata dieci anni fa con un finale degno dei Guardiani, introducendo novità sostanziali nel gameplay attraverso una sottoclasse tutta da scoprire e, soprattutto, da personalizzare. Un’esperienza che ogni fan della serie non dovrebbe perdere.
PRO
Nuova sottoclasse Prismatica che offre nuove dinamiche di gioco
Campagna avvincente e ben narrata
Comparto grafico e audio di alta qualità
Multiplayer solido e divertente
CONTRO
Gameplay a volte poco chiaro, soprattutto nei puzzle
Sottoclasse Prismatica potenzialmente sbilanciata

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.