L’arte delle patch amatoriali esiste da molto tempo, ed è innegabile come alcune di queste modifiche “fatte in casa” abbiano contribuito al successo di diverse produzioni, arrivando addirittura ad allungare il tempo di vita di un titolo. La saga Pro Evolution Soccer ne ha beneficiato tantissimo, ed anche io diversi anni fa mi divertivo a creare patch amatoriali legati a titoli come PES 5 e PES 6.

D’altronde Konami lascia davvero tanto spazio alle modifiche dei fan, a copertura di tantissimi elementi di gioco: volti e maglie rappresentano un po’ lo standard di ogni patch, ma poi si arriva addirittura agli elementi dello stadio, alla telecronaca e tanto altro ancora. Una patch fatta bene, insomma, può arrivare a far cambiare parere su un titolo (alcune riescono anche a modificare piccoli bilanciamenti di gameplay) e a renderlo generalmente più piacevole.

Leggi di più: Guida strategica alla Master League!

PES 2020: SmokePatch

Overview

Le motivazioni sopracitate mi hanno così spinto a cercare subito una patch per Pro Evolution Soccer 2019, che ho confermato anche per l’edizione 2020.
Tra le tante patch amatoriali, personalmente ho scelto la SmokePatch. Tra i vantaggi:

  • Opinioni positive in rete (fa sempre comodo consultare le community per verificare l’affidabilità di una patch)
  • Costanti aggiornamenti, non soltanto legati a kit e faces
  • Almeno 2 fonti da cui scaricare (tramite link diretti Mediafire e MEGA)

Il gruppo che gestisce la patch si è adoperato anche nella fruizione della stessa. Oltre alla possibilità di scegliere tanti gruppi di download diversi da scaricare in un secondo momento (es. scaricare tutta la base e poi aggiungere palloni, adboards, ecc…) per il corpo centrale della patch viene messo a disposizione un setup d’installazione che fa quasi tutto, a parte un copia-incolla di un file nella cartella di PES in Documenti, da eseguire necessariamente a mano.

Leggende e licenze

Uno dei motivi per cui è nata la patch amatoriale su Pro Evolution Soccer è per risolvere la questione licenze, una sorta di risoluzione autonoma del problema legato all’assenza dei nomi reali di giocatori e squadre. La SmokePatch ovviamente risolve il problema, allineando nomi e licenze alla realtà per giocatori, squadre e competizioni.

Data la forte presenza di leggende nel database di Pro Evolution Soccer 2019 e 2020, e la possibilità di poter modificare qualsiasi giocatore, la SmokePatch si prende la libertà di aggiungere squadre classiche composte da vecchie leggende del calcio, con tanto di volto e capigliatura corrispondenti alla realtà.

Per darvi un’idea della potenza delle patch amatoriali, ed in particolare della SmokePatch, con l’edizione 2020 della Master League, KONAMI ha inoltre inibito la possibilità di poter ingaggiare nel proprio team le leggende, se non tramite importazione da MyClub. Fortunatamente, grazie alla SmokePatch è possibile continuare ad utilizzare questi giocatori tramite un apposito switcher che sblocca le leggende.

Ulteriori informazioni

Per rimanere aggiornato sulle ultime novità, continua a seguire la rete Social di Nextgentech.it, tramite la pagina Facebook.

CONDIVIDI SU:Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter


Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.