Nel competitivo mondo del gaming, il ROG Harpe Ace Aim Lab Edition cerca di distinguersi come un prodotto che intende incarnare l’essenza della collaborazione tra ASUS ROG e Aim Lab. Questo mouse da gioco è una vera e propria dichiarazione di intenti: leggerezza estrema, precisione chirurgica e una risposta ai comandi che sembra anticipare le intenzioni del giocatore. ASUS ROG, sinonimo di qualità e innovazione, ha plasmato un dispositivo che non solo segue, ma definisce nuovi canoni nel settore degli eSports, offrendo ai professionisti uno strumento all’altezza delle loro aspettative.

ASUS ROG Harpe Ace Aim Lab Edition – Recensione

20240521_090055

Caratteristiche fisiche e materiali

L’unboxing del ROG Harpe Ace Aim Lab Edition è un’esperienza in sé. Il packaging, elegante e funzionale, rivela un mouse che sfida le convenzioni con i suoi soli 54 grammi di peso. La struttura è realizzata con un nylon a base biologica che promette durabilità e resistenza, mentre il design ambidestro garantisce comfort per lunghe sessioni di gioco. I dettagli estetici, come i pulsanti laterali color turchese e la rotella scroll retroilluminata, sono il sigillo di un design che non trascura l’aspetto visivo. Anche se dal punto di vista estetico il mouse non esagera con la sua anima gaming (ad esempio il logo ROG è disegnato ma non retroilluminato) le diverse chicche di progettazione indicano uno stile di design unico ed originale che va dalle pareti zigrinate a favore di grip ai tastini posti sul retro che servono a switchare la modalità di connessione, avviare il pairing e cambiare i DPI, con un piccolo slot in cui è riposto il ricevitore bluetooth.

Al netto di una realizzazione tecnica che, come vedremo in seguito, ha tenuto in considerazione le esigenze specifiche dei videogiocatori professionisti, non nascondo la sensazione di “troppa leggerezza” una volta adoperato il mouse per la prima volta, specie riguardo il fatto fragilità: con quei soli 54 grammi, il ROG Harpe Ace Aim Lab Edition è senza dubbio il mouse, da gioco e non, più leggero che mi sia mai capitato di usare, ed è un pregio che può mostrare il fianco in caso di urti o cadute accidentali. In realtà, durante il mio periodo di test il destino ha voluto mettere alla prova il prodotto ASUS con un paio di rovinose cadute che non hanno nemmeno scalfito la struttura esterna, evidenziando una robustezza maggiore rispetto a quanto trasmesso all’apparenza.

User Experience

La progettazione del mouse, pensata e sviluppata con il supporto di Aim Lab, ha portato alla realizzazione di un prodotto che punta tutto sulla precisione, anche sfruttando la leggerezza, magari pensando alla necessità di rispondere al fuoco nemico in tempi brevissimi durante un torneo. Utilizzare il ROG Harpe Ace Aim Lab Edition è un’esperienza che trasforma il gioco. La leggerezza del mouse permette movimenti fulminei, mentre il sensore ottico ROG AimPoint con i suoi 36.000 DPI offre una precisione senza eguali. La batteria da circa 90 ore elimina la preoccupazione di dover ricaricare frequentemente, e la personalizzazione tramite il software Aim Lab consente di affinare le impostazioni fino a raggiungere la configurazione ideale per ogni giocatore. La personalizzazione è un aspetto fondamentale per un dispositivo da gioco, e il ROG Harpe Ace Aim Lab Edition offre ampie possibilità in questo senso. Tramite il software di gestione, ogni pulsante può essere configurato per eseguire azioni specifiche, consentendo ai giocatori di adattare il mouse alle proprie necessità e preferenze, sia in termini di funzionalità che di estetica, grazie alla retroilluminazione RGB personalizzabile. Pensando ai giocatori professionisti, stupisce il fatto che il pulsante per cambiare i DPI sia sul retro, ma va capita la logica di tale scelta: per alcuni giocatori potrebbe essere importante cambiare risoluzione direttamente in-game, mentre per altri risulterebbe un grosso danno in caso di pressione accidentale; è possibile che i progettisti abbiano dato priorità a quest’ultimo caso. La robustezza a lungo termine è invece garantita dall’utilizzo degli switch ROG.

Nonostante le molte qualità, il ROG Harpe Ace Aim Lab Edition non è esente da difetti. Alcuni utenti hanno segnalato che il software di personalizzazione potrebbe essere più intuitivo, mentre a livello personale mi è capitato un paio di volte di avere problemi col pairing cambiando notebook di riferimento; in queste circostanze ho notato che ricollegando il mouse ad un PC precedentemente accoppiato la procedura di pairing crea una nuova istanza di prodotto tra i dispositivi Bluetooth anziché riutilizzare quella precedente. Infine, un altro aspetto che potrebbe scoraggiare i possibili acquirenti risiede nel prezzo: il ROG Harpe Ace Aim Lab Edition è posizionato come un prodotto premium, con un prezzo superiore ai 100€. Questo lo rende accessibile a un pubblico di appassionati disposti a investire in un dispositivo di alta qualità che promette di migliorare significativamente l’esperienza di gioco, ma non è certamente alla portata di tutti.

Ulteriori informazioni

Per rimanere aggiornato sulle ultime novità, continua a seguire la rete Social di Nextgentech.it, tramite la pagina Facebook.

CONDIVIDI SU:Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter

VALUTAZIONE
Commento finale
Il ROG Harpe Ace Aim Lab Edition è un prodotto che non passa inosservato nel mercato dei dispositivi da gioco. Con un prezzo che riflette la qualità e l’innovazione che porta con sé, questo mouse è un investimento per chi non si accontenta e cerca sempre il meglio. Nonostante alcuni difetti, come la mancanza di interruttori sostituibili e alcune difficoltà con il software, il ROG Harpe Ace Aim Lab Edition rimane un punto di riferimento per i gamer più esigenti.
8,5
Progettazione e materiali 9 Caratteristiche tecniche 8,5 User Experience 8 Design 8
PRO
Leggerissimo e performante
Pensato e progettato per i videogiocatori
Ottima autonomia
CONTRO
Lo switch per i DPI è nella parte inferiore