Tra i maggiori produttori di dispositivi smart per utilizzo casalingo, EZVIZ è senz’altro uno dei più riforniti, nonché tra i pochi in grado di proporre all’utente device ben progettati e non troppo costosi. La recensione della webcam per videosorveglianza domestica, EZVIZ CP1 ci ha permesso di avere una prima esperienza molto positiva col catalogo del produttore, che oggi si arricchisce di una nuova review, stavolta dedicata al DP2C, un video-spioncino che qualunque appassionato non dovrebbe farsi mancare in casa.

EZVIZ DP2C – Recensione

Confezione e materiali

L’EZVIZ DP2C è un campanello con spioncino adatto alla porta di ingresso, venduto in un semplice packaging al cui interno troviamo, oltre alle viti per il montaggio, il pannello touchscreen da montare sul retro della porta o in un’area limitrofe più comoda. Sfortunatamente, nella confezione non è presente il cavetto USB per la ricarica. Anche se non esistono spioncini universali, il DP2C prova a seguire questa strada garantendo compatibilità con spessore dai 35 ai 105 mm, con un diametro che può variare dai 16,5 ai 50 mm. In termini realizzativi, il DP2C si presenta molto simile al DP1C (che in realtà è un videocitofono) sfruttando un form factor circolare per lo spioncino, con una scelta cromatica e di materiali pensata per l’eleganza e la discrezione; la parte esterna è infatti realizzata in alluminio, mentre il corpo centrale, più scuro, pone in risalto la camera e il pulsante per suonare il campanello.

Il pannello touchscreen riprende le stesse cromature dello spioncino lungo un corpo di circa 11,5 x 8,5 cm, con uno spessore che non arriva a toccare i 2,5 cm. Con i suoi 4,3 pollici di display, la cornice non è affatto delle più sottili, anche perché ospita l’altoparlante e il pulsante fisico nella parte inferiore, oltre che tutto il modulo di carica.

Performance e User Experience

Il DP2C non è soltanto la versione “a campanello” del DP1C, perché porta con sé numerose migliorie dal punto di vista tecnico. Aumenta infatti la risoluzione del display (passando ad un Full HD abbastanza definito), la visione notturna a infrarossi (ora fino a 5 metri) e l’angolo di rilevamento del movimento (110°).

Le altre caratteristiche vengono tutte confermate, sia in termini hardware (con la possibilità di collegare il tutto in rete in modalità cablata o tramite wifi 2.4 Ghz) che di feature. Da questo punto di vista, da notare la possibilità di estendere la memoria con scheda micro SD fino a 256 GB e di accoppiare il dispositivo alle regole IFTTT già in vigore in casa, oppure agli assistenti vocali Alexa e Google Home, rendendolo di fatto parte integrante della domotica in essere nella propria abitazione.

Con questa breve carrellata di feature ho descritto il grosso delle funzionalità del DP2C, che ovviamente non si esauriscono qui. Ad esempio, non posso non citare l’ottima autonomia del dispositivo, con un modulo da 4600 mAh a basso dispendio di energia che può arrivare fino a 3 mesi, e la compatibilità con i migliori codec video e il supporto Cloud da affiancare ai sistemi di videosorveglianza già installati. Da questo punto di vista, il DP2C garantisce feature già viste con la review del CP1, come l’ottimi sistema di rilevamento del movimento vicino al sensore che consente di inviare una notifica al proprio dispositivo tramite l’apposita app per Android e iOS. I 155° in cui agisce il sensore sono più che sufficienti per monitorare tutta l’area l’ingresso, sia essa all’interno di un cortile o relativa ad un pianerottolo di un palazzo condominiale, tanto al giorno quanto in piena notte grazie ad un’apposita modalità notturna.

Tra le funzionalità smart dello spioncino vi è anche la videochiamata con audio bidirezionale, pilotata sia dal pannello touch che tramite applicazione, consentendovi di interagire con il campanello comodamente da smartphone. Infine, decidendo di utilizzare lo storage in cloud tramite il servizio EZVIZ Cloud, il produttore garantisce la privacy dei contenuti multimediale tramite la crittografia AES a 128 bit. L’accesso all’applicazione può anche avvenire tramite autenticazione a più fattori, consentendo solo ai proprietari di interagire con il campanello e/o di interagire con le varie opzioni.

Ulteriori informazioni

Per rimanere aggiornato sulle ultime novità, continua a seguire la rete Social di Nextgentech.it, tramite la pagina Facebook.

CONDIVIDI SU:Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter

VALUTAZIONE
Commento finale
Per chi va alla ricerca di dispositivi smart per la propria abitazione, l’EZVIZ DP2C rappresenterebbe un piccolo investimento quantomai necessario ed intelligente. Le funzionalità di cui dispone questo video-campanello consentono all’utente di avere sotto controllo la casa anche a distanza, permettendo un monitoraggio continuo e preciso, a cui si affianca un ottimo sistema di notifica. Il prezzo è assolutamente abbordabile per il tipo di device e per le sue caratteristiche.
8
Progettazione e materiali 8 Caratteristiche hardware 8 Design 8 User Experience 8
PRO
Ottime funzionalità di monitoraggio
Controllo remoto tramite smartphone
Buona qualità audio e video
CONTRO
Non sempre di facile configurazione
Talvolta mostra qualche imperfezione software