Il tema delle cuffie wireless per uso ufficio è sempre stato molto caldo, ma in questi ultimi mesi, contraddistinti dall’emergenza Covid-19, lo è diventato ancora di più. Tanti professionisti hanno avuto la necessità di acquistare nuove periferiche per meglio adattarsi al lavoro da casa, cercando soluzioni più efficienti e funzionali. Se rientrate in questa categoria ed avete bisogno di un headset leggero, wireless e compatibile con gli ultimi software di comunicazione remota, allora potreste guardare nel catalogo Jabra, produttore che da sempre ha lavorato con un occhio di riguardo per il mondo del business (oltre che dello sport). In questo articolo parliamo di un prodotto che già preannuncio essere “notevole”, una soluzione per chi ha il palato fine per la tecnologia, oltre che per il segmento audio: Jabra Evolve2 65, una perla tra gli headset wireless.

Jabra Evolve2 65 – Recensione

Specifiche Tecniche

Sensibilità driver117 dB
Dimensione driver40 mm
Microfono3 microfoni digitali MEMS, sensibilità -26 dBFS/Pa
BluetoothSI
InterfacciaUSB-A / USB-C
CertificazioneMicrosoft Teams / Unified Communication
AutonomiaFino a 37 ore
DimensioniMono 150 x 157 x 60,5 mm; Stereo 186 x 157 x 60,5 mm
PesoMono: 99,2 gr; Stereo: 176,5 gr

Confezione e materiali

evolve2_65-1

Jabra Evolve2 65 è un headset wireless votato al business, progettato per essere completamente user-friendly, ma anche personalizzato nelle sue componenti – ed è una peculiarità che non tutti i device simili possiedono. A seconda della configurazione acquistata, il packaging di Evolve2 65 potrà comprendere o meno la docking station di ricarica, ed essere influenzato in termini di progettazione per ciò che concerne l’interfaccia di collegamento (type-C o type-A), gli altoparlanti (mono o stereo) e la certificazione (MS Teams o UC).

In base al modello scelto, nella scatola troverete i cavi accessori conformi allo stesso e una bella custodia in pelle, morbida, in cui riporre l’headset una volta terminato l’utilizzo. Da notare, all’interno della custodia, la presenza di un comodo taschino in cui lasciare il dongle USB per il pairing Bluetooth con il computer, così da non rischiare di perderlo.

evolve2_65-2

Sono tanti gli aspetti costruttivi dell’Evolve2 65 che stupiscono, tanto alla vista quanto al tatto. Anzitutto la progettazione dei cuscinetti (presente anche il rivestimento sull’archetto che poggia sul capo), realizzati in gommapiuma memory anziché in similpelle o tessuto come la stragrande maggioranza degli headset in commercio. Con questa soluzione l’orecchio rimane asciutto e non rischia di accaldarsi, una soluzione ottima, soprattutto per chi è costretto a rimanere in riunione per tante ore di seguito. Anche se la struttura non è pieghevole su sé stessa, Jabra ha fatto un ottimo lavoro per limitare gli ingombri, contenendo il più possibile le dimensioni fisiche dell’headset oltre al peso specifico (la versione stereo non arriva ai 180 grammi).

Dal punto di vista estetico, Evolve2 65 presenta un design molto elegante, con una colorazione omogenea e sobria, con giochi di contrasto tra sfumature di grigio (o beige) che riprendono la struttura non rivestita. Il braccio del microfono è collegato al padiglione destro, lungo il giusto, non invasivo e senza inutili orpelli estetici. Sul padiglione destro troviamo anche i tasti fisici e l’interfaccia di collegamento verso la docking station o il computer. La stazione di ricarica, anch’essa molto elegante e compatta, possiede un aggancio magnetico – ancora una volta previsto sul padiglione destro dell’headset – e può essere utilizzata come base di riposo in alternativa alla custodia.

Hardware ed esperienza utente

Come si diceva in apertura, Jabra Evolve2 65 è un concentrato di tecnologia al servizio di comfort e semplicità d’uso. I punti su cui il produttore ha riposto molte attenzione sono tanti, a cominciare dal già citato design e dalla volontà di contenere al minimo peso e dimensioni, pur trattandosi di cuffie sovraurali. I driver hanno un diametro di 40 mm, con una sensibilità di 117 dB: al di là dei numeri, la qualità in fase di chiamata ed ascolto multimediale è a livelli top anche grazie al mix di tecnologie proprietarie che impiega il produttore, e alle varie certificazioni di cui gode il prodotto. In fase di acquisto è possibile scegliere la compatibilità Unified Communications (UC) oppure la specifica certificazione per Microsoft Teams. Quale modello scegliere tra i due dipende principalmente dalla piattaforma di conferenze che viene utilizzata per la maggiore. Scegliendo la certificazione Microsoft Teams, si ottiene una migliore compatibilità nel plug&play e nella gestione dell’audio per la stanza virtuale, con il supporto del LED di notifica Microsoft Teams sull’headset per le chiamate perse o in arrivo

evolve2_65-6

In riunione, il coinvolgimento sonoro è garantito anche dalla cancellazione del rumore ambientale, che tramite la realizzazione dei cuscinetti in gommapiuma memory, arriva ad isolare fino al 48% in più: anche semplicemente indossando le cuffie senza alcun ritorno audio è possibile percepire un ottimo grado di isolamento acustico, pari a quello dei più avanzati modelli around ear robusti – più pesanti e stancanti. Utile aggiungere anche 2 chicche lato User Experience, ovvero la spia di occupato (così evitare la classica domanda “sei in call?” tipica di uno spazio di lavoro condiviso) e il mute/unmute del microfono semplicemente alzando ed abbassando la stecca. Da questo punto di vista, Evolve2 65 assicura a chi ci ascolta di percepire la nostra voce in modo chiaro e cristallino grazie ai 3 microfoni digitali MEMS con riduzione del rumore acustico.

Passando agli altri dettagli, da segnalare l’ottima autonomia dell’headset, che si attesta attorno alle 37 ore di utilizzo continuato. L’ottimo supporto alla ricarica rapida consente di fronteggiare le emergenze sfruttando appena 15 minuti di carica per portare l’autonomia a 8 ore – ovvero una giornata di lavoro. Inoltre, immancabile il supporto a Jabra Direct, software gestionale che permette all’utente di tenere sotto controllo lo stato del proprio device Jabra rispetto ai vari client di conferenza, con possibilità di aggiornare i firmware direttamente dall’applicativo. In tal senso, segnalo la possibilità di tenere accoppiato Evolve2 65 su due dispositivi diversi allo stesso tempo.

Ulteriori informazioni

Per rimanere aggiornato sulle ultime novità, continua a seguire la rete Social di Nextgentech.it, tramite la pagina Facebook.

CONDIVIDI SU:Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter

VALUTAZIONE
Commento finale
Jabra Evolve2 65 ha tanti pregi, evidenziati fin dalle battute che ne precedono l’acquisto. Il fatto di poter scegliere tra più configurazioni (stereo o mono, certificazione UC o MS Teams, dock di ricarica, tipo di connettività) indica l’enorme attenzione riposta dal produttore nel provare ad individuare le varie esigenze dell’utente finale, garantendogli la possibilità di scegliere la variante che meglio si addice ai propri obiettivi di utilizzo. La realizzazione è come sempre di ottimo livello, contraddistinta da una scelta dei materiali precisa ed interessante, con un packaging di spessore tanto funzionale quanto ricco. Infine, passiamo alla “solita” robustezza dell’esperienza audio, attiva e passiva, con tanti benefit per l’utilizzatore e chi ci sta attorno: isolamento acustico, pulizia della voce registrata dal microfono, spie, notifiche, autonomia super e ricarica rapida.
9
Progettazione e materiali 9 Caratteristiche hardware 9,5 Design 9 User Experience 9,5
PRO
Ottima autonomia
Libertà di configurazione in fase di acquisto
Esperienza audio attiva e passiva di livello top
Costruite con attenzione
User Experience potenziata da facilitazioni e LED
CONTRO
Nulla da segnalare

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.