Il mercato dei notebook gaming divide gli appassionati di videogiochi “PC Master Race”, perché se è vero che ormai i portatili da gioco sono in grado di ottenere le stesse prestazioni di un desktop per almeno un paio di anni, non è falso affermare che il comfort è dalla parte della postazione fissa, ed alla lunga lo è anche la spesa per gli upgrade necessari a mantenere alte le performance in game. Tuttavia, quando per esigenze è necessario utilizzare un notebook performante, personalmente preferisco portarmi a casa un portatile gaming anziché uno “semplicemente ad alte prestazioni”. Perché? Perché la spesa non è poi così più alta, e non si può richiedere di più dalla configurazione hardware. Con questa motivazione, eccomi ad analizzare il Lenovo Legion Y530, un notebook che ho utilizzato sia per comuni attività quotidiane, che per gaming ed elaborazione multimediale.

Lenovo Legion Y530 – Recensione

Specifiche tecniche

Processore Core i7-8750H (6C, 2.2 / 4.1GHz, 9MB)
RAM 16 GB
Display 15,6” Full HD, LG IPS
Scheda video NVIDIA GeForce GTX 1050 Ti 4GB GDDR5
Storage Samsung SSD 256 GB + Seagate 2 TB HDD
Interfaccia I/O 3x USB 3.1
1x USB Type-C
1x Mini-DisplayPort
1x Ethernet
1x HDMI
Dimensioni 36 x 26,7 x 2,5.2 cm
Peso 2,3 kg

Confezione e materiali

IMG_20190309_124606In quanto portatile gaming, il Lenovo Legion Y530 si presenta con un design aggressivo già prima di alzare lo schermo e cominciare ad usarlo. Possiamo infatti notare da subito la generosa griglia di ventilazione che parte dai due lati vicino la cerniera e prosegue sul retro, dove troviamo la facciata principale dell’interfaccia I/O. Nello specifico, le pareti laterali sono state lasciate molto pulite (appena 1 porta USB 3.1 per lato, e un jack audio stereo combinato sulla parete sinistra) disponendo tutti gli input sul retro, nascosti alla vista dal display: in questa sezione troviamo un’altra porta USB 3.1 tradizionale, e un ingresso a testa per Type-C, Mini-DisplayPort, HDMI, Ethernet e, ovviamente, alimentazione.

Tornando al design, non fate caso alla tastiera US perché si tratta di un sample review, e concentratevi invece sul full layout: la presenza del numpad è rassicurante – io non ne farei a meno – e la disposizione dei tasti compatta, che pone in basso anche la croce direzionale, va a favore delle dimensioni. Oltre a non mancare niente – è presente pure la retroilluminazione, colore bianco – ci sono scorciatoie ad hoc ed un tasto per far partire la registrazione video in-game. Tanto da chiuso, quanto da aperto, il Legion Y530 non rappresenta il prototipo di notebook elegante e raffinato. La progettazione del portatile è stata indirizzata verso l’utilizzo di materiali semplici ma solidi, in grado di garantire un buon grip, un form factor contenuto e un touch&feel piacevole. Elementi, quindi, che non potenziano il fattore visivo. Detto che l’unica retroilluminazione frontale è quella della tastiera, sulla superficie più esterna anche il logo Legion è parzialmente illuminato.

Caratteristiche tecniche e display

IMG_20190309_124254Legion Y530 possiede un pannello IPS fabbricato da LG. È un 15,6” Full HD piuttosto tradizionale, incorniciato all’interno della carcassa nel modo più classico possibile. Anche il lavoro sulle cornici non è ricercato, con un effetto “doppio bordo” con scalino facilmente evitabile. La larghezza dei bordi non è esagerata, ma si poteva fare di più. Non è touch, e la resa dei colori è nella norma. Tra i fattori migliorabili di questo pannello c’è l’illuminazione, in media più bassa di altri display. Il modello usato per la review è la variante con i7 8750H, ovvero con la cpu più performante della famiglia, coadiuvata da memoria a 8 GB (2x 4 GB) ed ovviamente scheda video dedicata: si tratta di una NVIDIA GeForce GTX 1050 Ti 4GB GDDR5 – qui i benchmark by Notebookcheck. Per lo spazio di archiviazione è stata adottata una soluzione ibrida, attualmente la più conveniente in rapporto qualità-prezzo per godere di uno storage non striminzito e mediamente economico. Le due unità rappresentano ciascuna una partizione, ed ovviamente l’SSD da 256 GB viene utilizzato per il boot e l’installazione di software (è un Samsung MZVLB256HAHQ) mentre per l’archiviazione di dati non funzionali a Windows è possibile utilizzare ben 2 TB (elargiti da un Seagate ST2000LM007).

Funzionamento ed User Experience

IMG_20190309_124317Chi preferisce disporre di un notebook quanto più vanilla possibile, si troverà a suo agio con il Legion Y530: la presenza di materiale preinstallato è quasi nulla, non c’è alcun software invasivo di terze parti, e Windows si presenta pulito ed essenziale, come piace ai puristi. Riaprendo la parentesi sull’interfaccia di collegamento, ottima sia la scelta di posizionare il 90% degli input sul retro per non ingombrare la parte frontale, sia la presenza della Gigabit per favorire il gaming online senza disporre di adattatori, ma si poteva fare di più su almeno 2 fattori: l’alimentazione (tradizionale, non Type-C, e con un cavo di collegamento non molto lungo) e il numero di porte Type-C, appena 1.

Passando alla tastiera, fermo restando che il layout italiano e favorisce certamente l’uso in scrittura, siamo davanti a una buona soluzione che premia sia il gaming che il normale utilizzo quotidiano. L’invito all’uso dei tasti non è esagerato, perché la superficie è flat, e c’è qualche piccolo difetto nella retroilluminazione; la digitazione è silenziosa, eccetto la spacebar – difetto comune a molti notebook – che di tanto in tanto produce qualche “click” fastidioso. In tal senso, anche il touchpad non è esattamente silenzioso, ma è ricco di gesture by Lenovo pienamente compatibili con Windows 10. Chiudo il capitolo rumorosità parlando anche del riscaldamento: Lenovo Legion Y530 non si surriscalda mai, nemmeno quando CPU e GPU lavorano sodo per eseguire un task. La freschezza mantenuta dalla scocca – coadiuvata anche dalla posizione della griglia – si paga, però, con una furibonda velocizzazione delle ventole, che produce inevitabilmente qualche decibel di troppo e il classico effetto “areoplano”.

IMG_20190309_124259Infine, riguardo all’esperienza personale, devo ritenermi piuttosto soddisfatto del Legion Y530. L’ho usato in un periodo in cui mi sono prestato a tutto, e non ha mai mostrato segni di cedimento o dato brutte sorprese. Ci ho giocato – Sekiro: Shadows Die Twice, Devil May Cry 5, Metro Exodus, Far Cry New Dawn – e non mi ha fatto sentire il peso di una scheda video non al vertice delle GPU laptop. Chiaramente parliamo di un modello che, anche se uscito 6 mesi fa, risulta attuale sotto tutti i punti di vista, quindi passare dal gaming ad altro tipo di elaborazioni è stato semplice e supportato da prestazioni interessanti. La gestione della suite Adobe per esempio è stata impeccabile, con ottime tempistiche in manipolazioni audio e video, post-processing ed esportazione dei dati. In tutto ciò, anche le prestazioni della batteria mi hanno lasciato soddisfatto: premettendo che non si tratta assolutamente di un notebook che si presta facilmente all’uso fuori porta – anche per via del peso – l’autonomia non sarà più di 4 h in tutto, ma se intendete passare una serata a guardare serie tv, non dovrete farvi problemi di batteria residua. È uno di quei notebook, insomma, che non vi costringe a portarvi in giro per casa il cavo di alimentazione o tenere sempre sott’occhio il livello di autonomia.

Ulteriori informazioni

Per rimanere aggiornato sulle ultime novità, continua a seguire la rete Social di Nextgentech.it, tramite la pagina Facebook.

CONDIVIDI SU:Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter

VALUTAZIONE
Commento finale
Quando si decide di spendere tanto per un notebook, la scelta è quasi sempre costretta tra due binari: eleganza e leggerezza, contro performance e affidabilità. Lenovo Legion Y530 fa parte di quest’ultima fazione, e rappresenta una garanzia per tutti gli utenti alla ricerca delle performance massime, da spendere un po’ su tutte le attività che è possibile eseguire su Windows. La gestione dei file multimediali diventerà un piacere, la fluidità di navigazione è assicurata, il framerate anche con i giochi più recenti non delude, e in generale ben si presta anche all’uso fuori porta, pur non essendo stato concepito per questo ambito.
8
Progettazione e materiali 8 Caratteristiche hardware 8 Design 7 User Experience 8,5
PRO
Versatile e performante
Ottima autonomia
CONTRO
Design non esaltante

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.