Il grande successo di Zenfone 2 ha proiettato ASUS verso il potenziamento della propria linea di smartphone, perfezionando costantemente il Sistema Operativo proprietario (ZenUI) e lanciando nuovi modelli direttamente collegati al capostipite della famiglia. Dopo Zenfone 2, infatti, il mercato ha conosciuto le varianti Zoom, Selfie, Laser e Max, ciascuno specializzato in un particolare lato hardware, facendo del modello originale la scelta più indicata per chi è alla ricerca delle massime performance. In più, esiste anche il modello Deluxe, del tutto simile allo Zenfone 2 se non fosse per la back-cover con effetto diamantato.
In questo articolo vi presento Zenfone Max, il “Monster Battery” della famiglia.

Specifiche tecniche

Sistema Operativo Android 5.0 (ASUS ZenUI)
CPU Qualcomm Snapdragon 410
Memoria RAM 2 GB
Display 5.5” Gorilla Glass 4
Risoluzione 1280×720
GPU Adreno 306
Memoria archiviazione 16 GB (espandibile fino a 64GB)
Batteria 5000 mAh
SIM (Dual) Micro SIM
Fotocamere 13 MP posteriore, 5 MP anteriore
Dimensioni 77.5 x 156 x 10.55 mm
Peso 202 gr

ASUS Zenfone Max

Confezione, materiali e design

IMG_0621Andando per ordine, Zenfone Max si presenta all’interno di una confezione del tutto simile a quella del modello analizzato precedentemente, con le dovute differenze in termini di wallpaper.
Il design del terminale, tuttavia, è piuttosto differente dal modello originale. Il Max non presenta alcun tasto fisico sulla back-cover, spostando i pulsanti power e bilanciere del volume in posizioni più classiche, rispettivamente in alto e a lato. Questo modello conferma anche alcune caratteristiche estetiche che donano lustro allo Zenfone 2, come la barra satinata sotto i pulsanti a sfioramento; tuttavia, quest’ultima è più visibile nel modello nero che in quello bianco, arrivato in redazione. Al contrario, la variante chiara presenta un contorno leggermente donato che va ad enfatizzare le linee morbide della carcassa.

Zenfone Max vs Zenfone 2

Sebbene i due Zenfone siano molto simili esteticamente, presentando anche diversi punti di contatto in termini hardware, tra i modelli sussistono alcune differenze. Come avrete capito dal sottotitolo e dalla scheda tecnica, il punto di forza di Zenfone Max, da cui prende spunto anche il nome, è l’incredibile capacità della batteria; parliamo di ben 5000 mAh, circa 2000 mAh in più della maggior parte degli smartphone da 5”/5.5” (come lo Zenfone 2).
Questo è l’unico punto di vantaggio in favore dello Zenfone Max, che di max non ha solamente la batteria, ma anche le dimensioni. Rispetto allo Zenfone 2 aumenta praticamente tutto, dall’altezza al peso; il risultato di questa trasformazione si traduce in 202 gr complessivi e 10 mm di spessore, per 5.5” di diagonale.

Non si tratta solo di estetica, come detto, ma anche di specifiche hardware. Confermata la diagonale del display e la relativa risoluzione HD, si passa a una CPU meno potente (Snapdragon 410) che provoca più di un lag nella normale fruizione dell’interfaccia, a parità di capacità RAM. Altro downgrade per la GPU, abbandonando PowerVR G6430 in favore dell’Adreno 306.

Esperienza d’uso e comparto multimediale

P_20160405_102943Il notevole abbassamento del livello delle specifiche hardware si traduce in vistosi lag durante il normale utilizzo giornaliero dello smartphone, che spesso mostra il fianco alle animazioni del menu e operazioni simili. Per una qualche strana ragione di incompatibilità, la GPU non mi ha permesso di effettuare i benchmark con 3DMark, ma sono riuscito a far girare il test di AnTuTu Benchmark (v6.0.1) ottenendo lo score di 15393; l’impietoso risultato porta Zenfone Max all’ultima posizione in classifica, dietro il Meizu MX5 (registrato con uno score di 53810).
Fortunatamente, il confermato pannello da 5.5” presenta tutti i vantaggi posseduti dallo Zenfone 2, così come il comparto multimediale dotato degli stessi sensori da 13 MP (camera posteriore) e 4 MP (camera anteriore).
Il plus dei terminali ASUS si conferma ancora una volta la ZenUI, una delle poche build custom costantemente aggiornate e ricche di app preinstallate realmente utili e funzionali.
Per tutti i dettagli e maggiori informazioni sulle app, vi rimando alla recensione di Zenfone 2.
Chi decide di acquistare Zenfone Max a svantaggio degli altri modelli lo fa principalmente per la sua caratteristica di punta, ovvero l’eccellente capacità della batteria. E, personalmente, mi ha davvero stupito. Nell’utilizzo normale, lo smartphone mi è durato dai 2 ai 3 giorni usufruendo di diverse app di messaggistica, Bluetooth always-on (connesso a Mi Band e auricolari), Social Network e tanta musica. Insomma, una manna dal cielo non indifferente se come me temete di rimanere a secco di batteria.

Ulteriori informazioni

Per rimanere aggiornato sulle ultime novità, continua a seguire la rete Social di Nextgentech.it, tramite i canali Facebook, Twitter, Youtube e Google+.

CONDIVIDI SU:Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter

VALUTAZIONE
Commento finale
ASUS Zenfone Max è un terminale pensato per chi ha necessità di gestire tante attività quotidiane arrivando tranquillamente a fine giornata (e più), magari anche con due SIM attive. Un dispositivo con una batteria ultra-longeva dotato di un buon display e un discreto comparto multimediale, costretto, però, a ripiegare su qualche compromesso in termini di CPU e GPU per non appesantire il prezzo di vendita. Insomma, lo smartphone ideale per genitori e zii abituati ad usare il cellulare per Social Network, foto e qualche app free.
7
Materiali e design 7,5 Caratteristiche fisiche ed ergonomia 7 Caratteristiche hardware 6 Software e multimedialità 7
PRO
Autonomia eccellente
Buon display
ASUS ZenUI si conferma un'ottima build
CONTRO
Piuttosto pesante
Lag diffuso

Una risposta

  1. Antonino Parisi

    Ma dove li vedi tutti questi lag? Certo, non è un fulmine, ma di lag ce ne sono veramente pochi…

    Rispondi

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.