Può sembrare anacronistico recensire HTC One proprio al lancio del nuovo M8, ma non potevamo trascurare il device che allo scorso MWC 2014 ha portato a casa il titolo di Miglior smartphone. HTC One si è imposto fin da subito nel mercato enthusiastic, forte di un design impeccabile e di materiali scelti con cura per abbattere la concorrenza. Sicuramente molti di voi ricorderanno i tweet polemici tra Samsung e HTC al lancio di S4, cavalcando proprio l’onda della differenze di progettazione dei due terminali. Nonostante siano usciti da pochissimo i rispettivi successori, HTC One e Samsung S4 hanno dominato vendite e critica almeno fino all’uscita di LG G2, ma siamo sicuri che lo smartphone taiwanese non abbia più nulla da dire? Scopriamolo insieme.

Sommario specifiche tecniche

Sistema Operativo Android 4.2 (disponibile Android 4.4.2)
CPU Qualcomm Snapdragon 600, quad-core, 1,7 GHz
Memoria RAM 2 GB
Display 4,7” 468 PPI
Risoluzione Full HD 1920×1080
Memoria archiviazione 32 GB interna
Batteria 2300 mAh
Fotocamere UltraPixel 4 MP posteriore / 2,1 MP anteriore
Dimensioni 137,4 x 68,2 x 9,3 mm
Peso 143 gr

 

Caratteristiche fisiche

Confezione e design

IMG_1309Come spesso accade, il terminale arrivato in redazione presenta la confezione non ufficiale, incompleta e dedicata alla stampa, quindi impossibile da commentare con coerenza. Concentrandoci subito sullo smartphone il primo impatto è davvero incredibile, tanto che l’ho portato un po’ ovunque e se ne sono innamorati un po’ tutti. Sulla parte posteriore, scocca di colore argento in alluminio con rifiniture leggermente più chiare in direzione della fotocamera e sotto il logo Beats Audio (non presente nell’M8). Per quanto riguarda le tecnologie, superiormente troviamo il secondo microfono, Sense Voice, per la soppressione di rumori ambientali e fruscii; inferiormente, la fotocamera con ampio obiettivo (28mm) e flash LED. Poggiando lo smartphone su una superficie liscia ci si accorge di una leggera bombatura nella parte centrale che solleva il terminale ai lati, favorendone la presa.
Nella parte frontale, HTC non rinuncia ai soliti tasti soft touch Home e Back e, oltre alla griglia degli altoparlanti, alla fotocamera anteriore e ai vari sensori, troviamo il comodissimo LED di stato a segnalare ogni notifica persa.

IMG_1295

La cornice (in plastica) presenta sul lato sinistro lo slot per la micro SIM, sul lato opposto il turner del volume, nella parte superiore il jack per le cuffie e il tasto accensione (nonché sensore ad infrarossi per comandare una tv compatibile) ed inferiormente il microfono principale e l’ingresso micro USB.
HTC One è monoscocca, dunque non è possibile rimuovere e/o espandere la batteria originale da 2300 mAh, e non è presente alcuno slot di espansione per la memoria interna che, con i suoi 32 GB, risulta comunque più che sufficiente per tutti gli usi.

Nell’uso quotidiano

Caratteristiche di progettazione e schermo

Dal punto di vista ergonomico, HTC One è un insieme di gioie e dolori. Anzitutto, il display da 4,7” rappresenta probabilmente la scelta più giusta per la maggior parte degli utenti per diverse ragioni: consente di raggiungere tutti gli angoli dello schermo con estrema facilità, permette una comoda fruizione dei contenti durante la navigazione, sta facilmente in tasca e non pesa. Gli ultimi due fattori sono chiaramente merito dei progettisti HTC, che sono riusciti a contenere le dimensioni dello smartphone in larghezza e spessore con soli 143 grammi di peso complessivo e ben distribuito. Al tempo stesso, ciò che proprio non va bene è la posizione del tasto di accensione, che svolge anche la funzione di blocco/sblocco: cercando di raggiungere il tasto per bloccare il terminale, molto spesso mi è capitato di alzare involontariamente il volume e accorgermene alla prima notifica, costringendomi ad impostare nuovamente il livello dell’audio. Continuando l’analisi ergonomica, la scocca si scalda notevolmente quando utilizziamo lo smartphone con intensità, magari scaricando contenuti multimediali tramite browser o giocando, fattore che mi ha costretto spesso a lasciare il cellulare affinchè si raffreddasse un po’. Infine, rimane qualche dubbio sulla presa: l’alluminio restituisce di per sé per un ottimo touch&feel ed i bordi robusti aumentano ulteriormente la presa dello smartphone; tuttavia, la paura che mi scivolasse tra le mani da un momento all’altro non mi ha mai abbandonato. Questo problema può essere facilmente superato con l’utilizzo di una back cover, se non fosse che un terminale come HTC One è davvero un peccato coprirlo.
Per ciò che concerne lo schermo, la risoluzione full HD ad alta densità di PPI permette un’eccellente resa visiva. Non c’è davvero nulla da segnalare, in quanto l’angolo di visione è ottimo, la resa cromatica è eccellente e forse l’unica pecca sta nei neri che appaiono leggermente più chiari che in altri terminali.

Applicazioni e multimedialità

2014-03-15 15.50.30Dopo aver posto l’accento sul comparto sonoro grazie alla partnership con Beats Audio, HTC si è concentrata intensamente sulla fotocamera. Il sensore BSI posteriore con obiettivo di 28mm è un Ultrapixel da 4MP con apertura F2.0 e stabilizzatore ottico OIS, che consente di registrare “video veloci” in full HD a 60 FPS o in HDR. Questo sensore possiede caratteristiche avanzate come Smart Flash, che regola automaticamente il livello del flash in base alla distanza degli oggetti, e Zoe, un’implementazione software che scatta diverse foto in sequenza raggruppandole in un’immagine in movimento – a tutti gli effetti un video in mp4.
La qualità dei video è buona ma non eccellente, soprattutto a fronte delle specifiche tecniche e delle varie funzionalità che mette a disposizione l’applicazione. Lo stabilizzatore ottico delude un po’ anche a movimenti lenti, così come la messa a fuoco continua che ci mette un paio di secondi prima di regolare perfettamente la luminosità, anche trovandoci in ambienti sì al chiuso, ma in pieno giorno. Per quanto riguarda i “video veloci”, in realtà la media degli FPS non è 60 ma circa 50 – proprio a causa dei problemi sopracitati che tendono a far calare il framerate – mentre per quanto riguarda la registrazione in HDR, il contatore registra 29 FPS fissi. La modalità di registrazione più riuscita è senz’altro quella classica a 30 FPS.
Di ben altra qualità la modalità foto che, oltre a permettere la cattura di ottime istantanee e di usufruire di Zoe, consente all’utente di impostare svariati filtri e modificare post-scatto qualsiasi immagine attraverso elementi di fotoritocco simpatici e funzionali.
Viste le tante possibilità di scelta lasciate all’acquirente, HTC avrebbe potuto migliorare l’applicazione fotocamera sulla falsariga di quelle sviluppate dalla concorrenza, migliorie che ha attuato proprio su M8.

Per ciò che concerne il resto della multimedialità, HTC One rappresenta il top per riprodurre brani musicali grazie al già acclamato supporto di Beats Audio, e consente di visualizzare qualsiasi tipo di file video come tutti i vari top di gamma. Spostandoci sulla parte applicazioni, non possiamo non citare BlinkFeed, il lettore di notizie targato HTC con struttura molto simile alle Live Tile di Windos Phone. BlinkFeed permette di restare aggiornati sui contenuti provenienti dai vari social network o dai siti consigliati da HTC; inoltre, consente di aggiungere un feed personalizzato che, tuttavia, non compare assieme alle altre notizie – anche questo aspetto è stato migliorato su M8.
Le applicazioni preinstallate sono molte e per tutte le esigenze, come anche i servizi integrati – personalizzazione tramite PC, supporto TV, HTC Share, eccetera – il tutto corredato da una fruizione dei contenuti comandata dall’elegante interfaccia HTC Sense 5.5.

Prestazioni hardware e autonomia

Con Snapdragon 600 si va spediti sotto ogni condizione di utilizzo. I puristi di benchmark e test di stress troveranno nei dati seguenti pane per i loro denti, ma per farla breve non mi è mai capitato un microlag tra menu, navigazione, gaming e multimedialità. HTC One si fa usare con piacere, anche se sfortunatamente non più di 6-7 ore intense. In questo periodo di test ho confrontato varie sessioni d’utilizzo e sono rimasto alquanto sorpreso nel vedere la batteria scendere di oltre 20% in un’ora e un quarto di pullman che, tra andata e ritorno, mi dimezzava la carica residua con ancora una giornata intera da affrontare. Con utilizzo medio-basso, invece, lo smartphone è arrivato a sera con circa il 30% di batteria residua.
È bene notare che questi dati si riferiscono all’utilizzo di HTC One con Android Kitkat 4.4.2.

Benchmark e gaming

Come detto precedentemente, HTC One non ha mai mostrato segni di cedimento in termini di fluidità tra i menu, durante le sessioni gaming e in qualsiasi condizione di stress. Per completezza, di seguito riporto gli score ottenuti con le maggiori app di benchmark. I test sono stati eseguiti con Android 4.4.2.

AnTuTu Benchmark v 4.3.3
Punteggio totale: 28083; Samsung Galaxy S4 < HTC One < LG G2

Quadrant Standard v 2.1.1
Punteggio totale: 12353

Come prevedibile, HTC One vince il confronto con Galaxy S4 ma perde contro LG G2, più recente e ottimizzato. Nessun gioco è riuscito a far calare il framerate sotto il livello di 30 FPS.

Ulteriori informazioni

Per rimanere aggiornato sulle ultime novità, continua a seguire la rete Social di Nextgentech.it, tramite i canali Facebook, Twitter, Youtube e Google+.

CONDIVIDI SU:Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter

VALUTAZIONE
Commento finale
Le conclusioni a margine di questa recensione riguardano soprattutto i confronti con gli altri top di gamma presenti sul mercato, compreso il fratello maggiore M8. Vale la pena, oggi, acquistare HTC One? La risposta è sì, perché se non rincorrete costantemente l’ultimo modello, il prezzo è sicuramente invitante - sotto i 400€ - e la distanza di 200€ da M8 è piuttosto relativa. Tuttavia, il nuovissimo OnePlus One cambia ancora gli equilibri, forte di caratteristiche migliori e prezzo anche più basso, ma il brand - a livello di spedizioni, assistenza ed affidabilità - è tutto da scoprire.
9,3
Materiali e design 9,5 Caratteristiche fisiche ed ergonomia 7,5 Caratteristiche hardware 9 Software e multimedialità 9
PRO
Design, materiali e rifiniture di prima qualità
HTC Sense ha sempre una marcia in più
Supporto software puntuale e garantito
Caratteristiche al top anche a distanza di un anno dall'uscita
CONTRO
Scalda notevolmente sotto stress
Tasto accensione problematico da raggiungere per una mano piccola

Una risposta

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.