Grazie a Nokia Italia abbiamo testato il Nokia Lumia 920, primo smartphone della nostra rubrica. Il device è il top di gamma della serie Nokia Lumia, con Sistema Operativo Windows Phone 8 e specifiche hardware da far impallidire anche gli utenti più esigenti. La prova ha come obiettivo la valutazione dello smartphone in relazione all’uso quotidiano, basati su 10 giorni d’utilizzo classico.

Sommario specifiche tecniche 

  • Altezza: 130 mm
  • Larghezza: 70,8 mm
  • Spessore: 10,7 mm
  • Peso: 185 gr
  • Display: 4,5” IPS
  • Processore: Snapdragon S4 dual-core 1,5 Ghz
  • Memoria RAM: 1 Gb
  • Memoria interna: 32 Gb
  • Batteria: 2000 mAh
  • Fotocamera: 8,7Mp / 1,2Mp

 

903153_3973105666531_710440125_o

Caratteristiche fisiche 

Design, dimensioni e display 

Appena prendi il mano il Lumia 920 riesci a sentire tutta la potenza che emana. E’ questa la sensazione che ho avuto di primo acchito. Le dimensioni generose del terminale si compensano alla potenza che gli ingegneri hanno garantito a questo nuovo top di gamma di casa Nokia. Il display da 4,5” IPS possiede una cornice piuttosto spessa e, nella parte inferiore della facciata frontale, troviamo i tre tasti soft touch con funzione di BackStart e Bing, che vedremo in seguito. A lato, oltre i tasti che regolano il volume generale dello smartphone, ci sono i pulsanti blockscreen e fotocamera. Il Lumia 920 ha la particolarità di essere piuttosto pesante: i 185 grammi di peso vanno un po’ in controtendenza rispetto agli altri device, e si rifanno alle specifiche di alcuni phablet in commercio, tant’è che la differenza di peso con altri smartphone concorrenti è piuttosto evidente. Va precisato che ci si abitua quasi istantaneamente a tenere in mano il device, che non stanca nemmeno dopo sessioni d’utilizzo prolungate.
La soluzione IPS riguardante il display – Gorilla Glass 2 capacitivo con risoluzione 1280×768 – è piuttosto soddisfacente: al sole, lo schermo è pienamente leggibile, ed è possibile scrivere sms in tutta facilità anche in posizione verticale con i raggi solari di fronte; per quanto riguardo l’angolo di prospettiva, si nota immediatamente come i colori diventino via via meno naturali spostandosi lateralmente, il che rischia di diventare un problema anche per semplici fruizioni multimediali, come la visualizzazione di una galleria foto assieme a un paio di amici. A prescindere da questo piccolo problema, il display del Lumia 920 lascia tutti soddisfatti, per via di una buona brillantezza dei colori sia negli elementi che compongono l’interfaccia, sia nella visualizzazione di pagine web e contenuti digitali. Anche il contrasto, fondamentale per una buona lettura, si rivela uno dei migliori. A tal proposito, Nokia ha previsto più livelli di contrasto, in modo da accontentare anche i palati più esigenti.

Ergonomia 

Concludiamo l’analisi esteriore parlando dell’ergonomia dello smartphone: il rivestimento esterno – che incorpora la batteria – è piuttosto generoso nelle dimensioni e finisce con l’aumentare la larghezza del dispositivo per garantire una presa migliore e, soprattutto, tanta solidità. In verticale, lo smartphone si riesce a tenere ben saldo e in sicurezza anche con una sola mano, mentre abbiamo trovato qualche difficoltà ad utilizzare la fotocamera in orizzontale sia con un tap sullo schermo che utilizzando il tasto fisico, messo in una posizione piuttosto difficile da raggiungere quando si sta registrando e/o puntando l’obiettivo. Nota di demerito per il tasto Bing: al di là del fatto che è davvero un peccato che la funzionalità ricerca non sia stata integrata anche all’interno della base di dati dello smartphone – messaggi, media, ecc… – il tasto in quella posizione è decisamente scomodo, ed il rischio di attivare involontariamente il search è davvero alto. Ad esempio, nel mio utilizzo normale, mi è capitato più volte di prendere il 920, girarlo in orizzontale e premere involontariamente contro il tasto Bing, il che mi ha costretto ogni volta a tornare indietro. Disagi simili anche con la già citata fotocamera, con foto scattate involontariamente mentre cercavo di fare altro. In un certo senso, l’abitudine nell’uso quotidiano migliora queste piccolezze, ma non avrebbe certo fatto male maggior accortezza, come la possibilità di disabilitare il tasto Bing – e facendo un giro nel web, l’opinione è condivisa dal 90% di chi si è espresso in merito. Uno degli aspetti fondamentali dell’ergonomia è l’usabilità, garantita dall’interfaccia funzionale e dai vari mini-tour presenti nei menu e nelle applicazioni ufficiali. Anche sul tasto Back si poteva fare di più, ma le carenze – e determinate scelte discutibili – sono da ricondurre al Sistema Operativo piuttosto che al device.

Modalità d’uso 

Live Start 

901627_3973105826535_1684879831_oUna delle maggiori attrattive del Nokia Lumia 920 è stata, almeno al lancio, la presenza di Windows Phone 8 come Sistema Operativo. È passato ormai parecchio tempo dai primi modelli Lumia con WP, e l’OS di casa Microsoft è andato sempre migliorando, fino a raggiungere un ottimo livello di stabilità. Il Lumia 920 esprime al meglio le caratteristiche di WP 8 e i dati raccolti dalle principali fonti del web indicano che sono moltissimi gli utenti ad aver abbandonando la mela o il robottino in favore della soluzione di casa Redmond. Nonostante le App più importanti arrivino quasi sempre in ritardo, ormai lo store Microsoft ha raggiunto la piena maturità e si lavora intensamente anche sul fronte developers, spinti dalla corrente Windows 8 che ha invaso i PC di nuova generazione. Lanciare l’OS con il top di gamma della serie Lumia si è rivelata una mossa azzeccatissima per via dell’ottimo sistema hardware a corredo dello smartphone. A cominciare dalla schermata Start, i vari menu sono fluidi ed intuitivi, e la personalizzazione dell’interfaccia rende tutto molto immediato. Oltre alla classica shortcut in 3 possibili layout, con pieno supporto Live Tile – per chi la implementa – l’utente può decidere di condividere su Start l’accesso alle foto preferite piuttosto che switchare verso l’angolo dei bambini, una nuova caratteristica della serie che consente all’utente di regolare i contenuti sensibili per permettere ai propri figli di utilizzare il cellulare in tutta sicurezza. In realtà, il device non è esente da qualche mancanza o problemino che riguarda, però, tutta la linea WP: ad oggi l’applicazione ufficiale Facebook – e di conseguenza tutti i suoi surrogati – non sono pienamente compatibili col sistema di notifica, e capita di ricevere gli aggiornamenti dal proprio profilo a giorni alterni. Un’altra piccola lacuna sta nelle notifiche in alto: ormai tutti i Sistemi Operativi possiedono shortcut alle impostazioni più comuni – come on/off wireless, Bluetooth e audio generale – mentre Windows Phone si limita a mostrare la ricezione, lo stato di attivazione di altri parametri e il livello di batteria, senza permettere qualsivoglia interazione.

Comportamento nel normale utilizzo 

Nel normale utilizzo quotidiano, si riscontrano ottime performance della batteria. Utilizzando il Lumia 920 con le sue funzionalità di base, ovvero uso intensivo di sms, applicazioni in costante comunicazione con la rete, download automatico di email e qualche giro sul web, la batteria arriva tranquillamente fino a sera: alcuni smartphone dello stesso livello mettono a disposizione più di 2000 mAh, ma garantiscono un’autonomia meno longeva alle stesse condizioni d’utilizzo. Ciò significa che l’ottimizzazione di Nokia da questo punto di vista è ottima, e lo diventa ancor di più abilitando il risparmio energetico, che si attiva solo dopo una certa soglia e che mi ha consentito di aggiungere all’uso descritto precedentemente una chiamata serale di oltre 2 ore. Parlando della batteria è impossibile non citare l’eccellente Fatboy Wireless Charging, che si rivela non solo comodissimo ma anche funzionale. A questo punto, la domanda è lecita:

Quanto è rapida la ricarica wireless del Lumia 920?

892925_3973106306547_1238785166_oPer rispondere basta rivolgersi alle specifiche tecniche dei vari dispositivi da confrontare. Il caricabatterie da muro eroga 1000 mA di corrente; il Fatboy 750 mA; USB 2.0 al più 500 mA; USB 3.0 al più 900 mA. Ovviamente il caricabatterie classico è più rapido, ma vale la pena soffermarsi sul confronto wireless vs USB: a livello di performance, il Fatboy si colloca esattamente in mezzo alle ultime due versioni dello standard USB. È altrettanto valido considerare il comfort che porta con sé la ricarica Wireless. 
Nell’immagine accanto potete notare la mia soluzione, decisamente comoda, per poggiare lo smartphone sul cuscinetto e tenerlo sempre carico oltre che a portata di mano. Almeno nella mia postazione, non avrei potuto fare altrettanto con la ricarica USB senza avere il cavo a disturbare. La durata della batteria comincia a calare vertiginosamente attivando il navigatore di serie Nokia HERE Drive+, oppure giocando per oltre mezz’ora. Vale la pena segnalare anche un piccolo difetto di ricezione. Ho notato che il Lumia 920 mi ha garantito circa il 50% in meno di copertura rispetto al mio smartphone, sia al chiuso che all’aperto. Questo ha creato non pochi problemi durante la navigazione in 3G ed addirittura il fallimento dell’invio di alcuni sms. A proposito di ciò, la modalità di scrittura – sia in orizzontale che in verticale – è favorita dall’ampio display a disposizione, e la correzione degli errori di WP8 è un passo avanti alle altre. Sotto questo punto di vista, tornare al mio 3,3” è stato un dramma. Per quanto mi riguarda, l’unica pecca sta nella spacebar troppo corta, che spesso e volentieri mi ha portato a digitare virgole non desiderate. Nulla da obiettare sulla navigazione internet, se non per alcune lacune di Internet Explorer non attribuibili allo smartphone. Di certo, l’esperienza sul web col Lumia 920 è favorita, ancora una volta, dal grande display e dalla potenza hardware, che limita notevolmente i tempi di caricamento delle pagine web – in modalità mobile ma anche desktop – sotto copertura 3G. Per quanto riguarda le chiamate, la mia ragazza-tester mi ha confermato che il segnale in invio è perfetto e limpido, così come ho appurato che anche in ricezione si gode di un livello qualitativo piuttosto alto.

Applicazioni e multimedialità 

Per la propria serie Lumia, Nokia ha messo a disposizione applicazioni ufficiali che perfezionano determinate caratteristiche dei device. Ad esempio, ho citato poco prima HERE Drive+, l’applicazione del navigatore, che mi ha lasciato davvero soddisfatto sotto tutti i punti di vista: il segnale GPS viene catturato istantaneamente ed il percorso si aggiorna con precisione. Le dimensioni del display, ovviamente, giocano un ruolo fondamentale per chi è alla guida, ed il risultato finale è piacevole e naturale. L’uso eccessivo di RAM scalda non poco lo smartphone e, come detto, incide abbastanza sulla batteria residua. Ci sono diverse applicazioni a corredo del navigatore, come Nokia Transport, TripAdvisor e, soprattutto, Nokia City Lens, che utilizza la realtà aumentata – ovvero l’uso della fotocamera con suggerimenti su schermo – per mostrare località, ristoranti e divertimenti nella zona. La stessa fotocamera è supportata da applicazioni fondamentali, come Nokia Panorama e Smart Shoot del pacchetto Camera ExtrasStudio Creativo mette a disposizione una serie di filtri per modificare le foto. Alcune delle applicazioni citate sono preinstallate nello smartphone, ma quelle assenti vengono richiamate direttamente all’interno dei menu attraverso i suggerimenti, così da permettere all’utente di sfruttare a 360 gradi le caratteristiche del proprio Lumia. La fotocamera – che utilizza la tecnologia PureView con autofocus – è ottima e la qualità di foto e video è tra le migliori in circolazione. Il doppio flash LED fa un buon lavoro in scarse condizioni di luminosità, ed il livello di macro è decisamente elevato, anche se sfruttando interamente le capacità di zoom della fotocamera (4x) il rumore diventa elevatissimo e le foto non raggiungono la sufficienza. Senza considerare le applicazioni, i filtri e la customizzazione dei parametri sono piuttosto scarsi e manca il richiestissimo built-in HDR. La fotocamera principale da 8,7 MP permette di registrare video in full hd (1920×1080) a 30 FPS con cali fino a 22. Negli ambienti chiusi il rumore video è abbastanza evidente, così come l’eccellente lavoro dello stabilizzatore ottico. Purtroppo, non è possibile zoomare durante i video. Utilizzando la fotocamera, la galleria e lo sharing sono sempre a portata di dito: è possibile richiamare da sinistra tutti i file multimediali salvati, piuttosto che condividere gli stessi sulle applicazioni disponibili all’interno dello smartphone – sia quelle preinstallate che quelle scelte dall’utente.

Una delle maggiori app di Windows Phone 8 è chiaramente Office, preinstallato nel Lumia 920 assieme a OneNote. In realtà, parrebbe possibile far comunicare le due applicazioni e permettere di creare e leggere note direttamente da Office, ma così non è, almeno nella versione 2013. Le due app restano al momento indipendenti, ma consentono di interagire con la schermata Start per avere a disposizione i documenti sulla schermata iniziale. Office e OneNote sono integrate perfettamente con SkyDrive, altra colonna portante di Windows: l’applicazione è un po’ troppo lenta nel download dei contenuti, ma svolge bene il suo dovere e la sincronizzazione è piuttosto rapida. L’integrazione con i social network sfrutta appieno le caratteristiche del nuovo corso Windows, in cui gioca un ruolo fondamentale l’app dei contatti, che collega le informazioni di base della rubrica con i vari profili social. Tutto ciò che ne consegue – aggiornamenti di stato, condivisione di foto, album degli amici e tagging – avviene in maniera naturale con le varie funzioni disponibili nei menu. Concludo l’analisi delle app e delle caratteristiche con le soluzioni audio previste per il device. Nokia Musica lascia un po’ l’amaro in bocca per via dei contenuti selezionati automaticamente e con pochi margini di personalizzazione, ma il livello audio è ottimo sia in registrazione che in riproduzione – ricordando anche la qualità della chiamata. Manca la radio FM, integrata nell’auricolare Bluetooth BH-221 non incluso nella confezione.

Conclusioni 

In poco tempo il Nokia Lumia 920 si è guadagnato la palma di smartphone più venduta della linea di prodotti Lumia. Le ottime recensioni dei colleghi e i dati di vendita sono lo specchio delle qualità impressionanti di questo device, che mette a disposizione un sistema hardware superiore alla concorrenza in relazione a diverse caratteristiche. Tra i punti a favore c’è sicuramente il buon pacchetto standard e proprietario di cui gode il Lumia, oltre che le eccellenti tecnologie dietro navigatore e fotocamera. Se la parte hardware non lascia spazio a lamentele, va detto che il software non riesce a stare al passo per una serie di lacune che non dipendono da Nokia, almeno in parte. Nell’utilizzo quotidiano più, il Lumia 920 lascia pienamente soddisfatti: fluido, immediato, veloce, completo e fatto su misura per chi esige il massimo in relazione alla spesa piuttosto ingente.

Ulteriori informazioni

Per rimanere aggiornato sulle ultime novità, continua a seguire la rete Social di Nextgentech.it, tramite i canali Facebook, Twitter, Youtube e Google+.

CONDIVIDI SU:Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter

VALUTAZIONE
8
Materiali e design 9 Caratteristiche fisiche ed ergonomia 7 Caratteristiche hardware 9,5 Software e multimedialità
PRO
Architettura hardware potente
Le applicazioni Nokia aumentano le funzionalità di base di alcune caratteristiche dello smartphone
Navigatore preciso e veloce
Tra le fotocamere migliori nel rispettivo range di smartphone
CONTRO
Tasto Bing scomodo e non integrato con i contenuti dello smartphone
Per molti potrebbe essere eccessivamente pesante
Difettosa ricezione del segnale

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.