Ogni volta che devo parlare di un prodotto italiano è sempre una grande gioia. Videogame, tecnologia o azienda che sia. Quest’oggi, la mia attenzione è tutta dedicata a Stonex STX S, il top di gamma di Stonex Very Smart appartenente alla linea di prodotti Very Smartphone. Per la precisione, a Stonex è affidato il progetto degli smartphone, che vengono successivamente affidati ad un’azienda cinese per la fase di costruzione.
Il device è un Android 4,5” dal design semplice ed elegante, che combina con estrema efficienza prezzo e prestazioni.
Vediamo più nel dettaglio il lavoro dei nostri progettisti.

Sommario specifiche tecniche

Sistema Operativo Android 4.0.4 / Dual Sim System
CPU MT6577 (Cortex [email protected] DualCore)
Memoria RAM 1GB
Display 4.5” 16.7M TFT QHD Capacitivo
Risoluzione 960×540 pixel
Spazio hard disk 4GB + SD da 8GB (espandibile fino a 32GB)
Batteria 2100mAh
Fotocamere 8MP LED posteriore / 3MP frontale
Dimensioni 132x68x10 mm
Peso 155.8 gr (batteria inclusa)

Caratteristiche fisiche

Design, dimensioni e display

confezioneLa confezione si presenta piuttosto gradevole: il terminale è all’interno di una scatola che si chiude a doppia porta, protetta da un’ulteriore strato raffigurante il logo dell’azienda. Gli accessori presenti all’interno sono quelli ordinari, vale a dire gli auricolari, il mini caricabatterie e il cavetto USB che permette sia la connessione al PC che allo stesso caricabatterie – e sono assolutamente favorevole a questo scelta, che toglie di mezzo un cavo apposito per la ricarica. Completa la confezione il classico manualetto di presentazione del device.
Le dimensioni di Stonex STX S sono più generose rispetto ad altri terminali da 4,5”. Oltre allo spessore di oltre 1cm, lo smartphone si fa sentire sul palmo della mano a suon di grammi, forte anche di una batteria piuttosto grande e performante da 2100mAh. La risoluzione del display capacitivo TFT è nella norma, anche se diverse caratteristiche dello schermo ne risaltano la qualità, che vedremo nel paragrafo dell’ergonomia.
STX S è disponibile in due colori, bianco e nero, in un design piuttosto classico ed al tempo stesso elegante. Come si può notare dall’immagine, su un lato sono presenti il tasto di lock/unlock dell’orientamento dello schermo ed il turner del volume; in alto il tasto accensione e jack per le cuffie. L’ingresso micro USB  è disposto in basso al centro, nei paraggi del microfono principale. Sul retro, camera posteriore da 8MP con flash LED ed autofocus, secondo microfono ed altoparlanti.
Nel complesso, il design è piuttosto curato ed originale. Il turner del volume è nascosto nella fascia centrale color argento, mentre la fotocamera posteriore è lievemente sporgente – quindi poggiando il cellulare sulla scrivania non sarà perfettamente aderente al piano. Una dimostrazione della cura per i particolari è la presenza del led di stato color verde sul parte frontale, accanto alla fotocamera. Carcassa in policarbonato a completare il tutto, con cover removibile dagli innesti interni per l’alloggiamento di batteria, doppia sim e micro SD già inclusa da 8GB.

Ergonomia

Diversi punti positivi ed altrettanti negativi per quanto riguarda l’ergonomia dello Stonex STX S.
Cominciando con le belle notizie, c’è da fare i complimenti per lo schermo LCD IPS di cui gode il terminale.
Al di là della risoluzione e della sensibilità al tocco, lo smartphone è decisamente leggibile sotto al sole ed il sistema anti-impronta funziona a gonfie vele. Durante l’utilizzo mi sono reso conto di questi vantaggi, che sono diventati ancor più evidenti una volta cambiato cellulare. La luminosità dello schermo è ottima, anche se il contrasto non è il pezzo forte di questo LCD.
Parlando degli aspetti meno riusciti, vanno sicuramente citate due questioni: il tasto che sblocca e blocca l’orientamento dello schermo ed i soft touch nella parte inferiore – classici menu, home e back.
Per quanto riguarda il primo, è in dubbio sia la sua utilità che la posizione: mi è capitato un paio di volte di toccare involontariamente il tasto e bloccare lo schermo, situazione che a lungo andare diventa particolarmente fastidiosa, come qualsiasi cosa venga innescata involontariamente. Resta da capire come mai Stonex abbia deciso di dotare di questa soluzione il proprio smartphone e, soprattutto, come mai il tasto non sia configurabile con il launch di qualche app.
Il discorso legato ai soft touch è meramente costruttivo: spesso e volentieri è necessario premere più di 2-3 volte prima che il dispositivo recepisca la pressione applicata ed agisca secondo comando. Questo problema si è manifestato soprattutto con i due tasti laterali.

design_smartphone_stxs

Modalità d’uso

Sistema Operativo ed hardware

Nonostante Stonex STX S sia dotato di processore 1Ghz Dual Core e 1GB RAM, le prestazioni sono decisamente ragguardevoli sotto Android 4.0.4
Chiedendo informazioni all’azienda, sfortunatamente non sono in grado di pronunciarsi in merito all’aggiornamento del Sistema Operativo, pertanto, se qualcosa bolle in pentola, il discorso è rimandato di almeno qualche mese. Al di la di ciò, il terminale è fluido e risponde con efficienza a tutte le sollecitazioni delle app, senza mostrare mai il fianco a qualsiasi tipo di attività.
Provando la connessione alla rete con wireless e 3G non è mai sorto alcun problema e la ricezione – di rete e campo – è sempre stata puntuale e precisa.
Nel complesso, le qualità hardware messe in campo dall’azienda mi hanno soddisfatto appieno, anche se resta l’handicap del Sistema Operativo che, rispetto ad altri smartphone concorrenti, è fermo ad una versione meno recente.
Stonex non ha messo in campo alcuna personalizzazione dell’interfaccia, pertanto troviamo

Comportamento nel normale utilizzo

Il normale utilizzo che si intende riguarda una corposa attività prettamente telefonica – centinaia di sms, una ventina di chiamate – condita da navigazione web sotto qualunque contesto, multimedialità e gaming.
La batteria di cui è dotato Stonex STX S ha una capacità di 2100 mAh ottimizzata alla grande con l’hardware ed il software, anche tenendo conto del profilo dual sim. Il dispositivo non mi ha lasciato quasi mai a terra fino all’una di notte, un risultato piuttosto unico per i miei standard, anche considerando le dimensioni del display, la luminosità sempre al massimo e tutte le notifiche istantanee attive.
La parte telefonica si fa apprezzare grazie al buon volume degli altoparlanti e alla qualità dei due microfoni. Il suono della nostra voce arriva limpido e chiaro anche poggiando il telefono su qualsiasi superficie.
Nonostante le applicazioni in uso e prolungate sessioni di utilizzo, il cellulare non diventa mai eccessivamente caldo.
Promosso a pieni voti dunque, lasciando stare benchmark e test esagerati di stress che, alla fin fine, non riguardano mai l’uso quotidiano.

Applicazioni e multimedialità

IMG_20130612_113728Per testare l’efficienza dello smartphone su più consumo di memoria, ho installato diverse applicazioni pesanti sull’STX S che vanno da launcher ricchi di effetti random ad app piuttosto generose in termini di requisiti. Lo smartphone ha mostrato il fianco in più di un’occasione, anche semplicemente entrando nel menu. Questo porta alla conclusione di utilizzare un launcher semplice e pochi effetti – al più fade e simili – rispetto a transizioni complessi e simil-3D.
L’ottima reattività dello schermo e il sistema hardware permettono di utilizzare tranquillamente le applicazioni che necessitano di feedback tattile preciso e puntuale, quindi anche i giochi platform più veloci godono di ottime performance.
La fotocamera e il comparto audio-video risultano più che buoni. Le foto scattate alla luce del sole si difendono molto bene dalle soluzioni concorrenti – restando nello stesso range di prezzo – anche se, come ipotizzabile, i sensori della fotocamera arrancano in condizioni di scarsa luminosità o luce artificiale. Le foto non risultano mai eccessivamente pastose, nonostante il normale disturbo che si manifesta nei suddetti contesti.
Per quanto riguarda audio e video, tutto nella norma e nulla di anomalo da segnalare. Come abbiamo visto in precedenza, il volume degli altoparlanti e la qualità del microfono è più che ottima per la parte telefonica e, dal punto di vista musicale, restiamo allo stesso livello qualitativo. La risoluzione e la colorazione dello schermo risultano di buon livello anche per quanto riguarda la visualizzazione di materiale video.

Conclusioni

Il rapporto qualità-prezzo di Stonex STX S pone lo smartphone dell’azienda italiana in una posizione di vantaggio rispetto ad altre soluzioni concorrenti. I compromessi raggiunti in termini hardware consentono all’utente di svolgere tutte le comuni operazioni di entertainment e telefonia senza mostrare il fianco a rallentamenti di sistema tipici delle applicazioni – in merito a pinch-to-zoom e pan.
Il design è elegante e curato, anche se dimensioni e peso sono da valutare in termini soggettivi.
Stonex STX S è attualmente in commercio a circa 225€.

Ulteriori informazioni

Per rimanere aggiornato sulle ultime novità, continua a seguire la rete Social di Nextgentech.it, tramite la pagina Facebook.

CONDIVIDI SU:Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter

VALUTAZIONE
8
Materiali e design 8 Caratteristiche fisiche ed ergonomia 7,5 Caratteristiche hardware 8 Software e multimedialità 8
PRO
Design curato
Autonomia longeva
CONTRO
Tasti soft touch poco sensibili
Tasto orientamento schermo non configurabile

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.