Il remote working ha messo in discussione il nostro modo di vivere la quotidianità ed approcciare al mondo del lavoro, costringendoci a rivedere un po’ tutti i nostri piani. È toccato a tutti, chi più, chi meno, adattarsi a questa nuova modalità di lavoro, magari dotandosi di particolari utility per rendere più “smart” la propria scrivania. Personalmente, ne ho approfittato per provare un monitor portatile da affiancare al mio notebook, recuperare un mouse più comodo e cambiare il mio headset. Èd è proprio qui che interviene Jabra Evolve 65e, il protagonista di questa recensione.

Se, come me, la partecipazione a riunioni virtuali è un requisito fondamentale per il vostro lavoro, un headset certificato per le conferenze e i principali tool di comunicazione del momento (come Microsoft Teams) diventerà un alleato pressochè fondamentale per evitare di avere problemi durante i meeting.

Jabra Evolve 65e – Recensione

Specifiche Tecniche

FrequenzaDa 20 Hz a 20 KHz riproduzione musicale Da 100 Hz a 8 kHz conversazione
Dimensione driver12 mm
BluetoothBluetooth® 4.2 – Bluetooth® Low Energy (BTLE)
InterfacciamicroUSB
CertificazioneImpermeabile Certificazioni UC e Skype for Business
AutonomiaFino a 8 ore riproduzione musicale Fino a 13 ore conversazione
Dimensioni192 x 153 x 63 mm
Peso36 gr

Confezione e materiali

Jabra Evolve 65e segue il design e i termini di progettazione dei fratelli (pensiamo a Evolve 75e ed il meno recente Elite 25e) configurandosi come un headset around-the-neck, ovvero da indossare attorno al collo. In particolare, ciò che risalta subito all’occhio dei più attenti è l’assenza dell’archetto di plastica che sostiene gli auricolari Evolve 75e, che nel modello 65e viene rimpiazzato da un cavo in gomma piatto, più leggero e meno ingombrante. Presenti, invece, le parti terminali più rigide e spesse che finiscono sulle spalle, e da cui spunta un controller in-line che ospita il microfono e la spia che segnala gli altri siamo occupati o meno – sia in conversazione che in riproduzione musicale. Gli altri tasti fisici sono presenti nel controller rigido di destra che poggia sulle spalle: qui abbiamo 3 tasti, di cui due dedicati al controllo multimediale e del volume, ed uno con funzione contestuale (anche alla pressione singola o prolungata) per accensione/spegnimento, accoppiamento, accettazione/rifiuto delle chiamate e comandi vocali. Come la 75e, l’aderenza alle pareti auricolari viene assicurata con la tecnologia EarWing, una morbida aletta da posizionare all’interno dell’orecchio – questa è invece una sostanziale differenza rispetto all’Elite 25e, caratterizzato da una vestibilità in-ear classica. Dal punto di vista del comfort, Jabra conferma la presenza dei magneti sulle plastiche degli earbuds, per tenerli vicini in stand-by, e la custodia morbida in cui riporre l’headset – non è pensata per proteggere il dispositivo agli urti.

Hardware ed esperienza utente

Jabra Evolve 65e è un concentrato di pura tecnologia, che si appoggia ad un driver da 12 mm con cancellazione passiva del rumore in grado di proporre un’esperienza comunicativa chiara e priva di distorsioni. Dall’altra parte ci sentiranno altrettanto bene grazie al microfono con cancellazione del rumore ambientale che facilita le conversazioni anche in mobilità, e posizionato all’altezza giusta per non infastidire l’utente durante le normali operazioni.

Jabra ha da tempo cominciato un percorso legato alle certificazioni che permette ai professionisti di gestire le comunicazioni in maniera ottimale con qualsiasi tool di conferenza online. In particolare, con la progressiva necessità di utilizzare strumenti quali Skype for Business, Unify e Avaya, il produttore danese ha portato a casa le certificazioni UC (Unified Communications) e Skype for Business, tramite cui poter usare l’headset con massima compatibilità tramite collegamento plug&play. Gli auricolari Jabra Evolve 65e possono essere accoppiati al notebook attraverso 2 modalità: tramite le impostazioni Bluetooth del device, oppure utilizzando il dongle USB Jabra Link 370, un adattatore molto piccolo che migliora la stabilità della connessione e garantisce l’attivazione di tutte le funzionalità extra per Skype for Business proposte da Jabra 65e, ovvero:

  • Mute/unmute del microfono tramite tasto fisico posto nel controller in-line
  • Spia di occupato
  • Alert di chiamata con vibrazione dell’headset

Purtroppo, con la quasi totale migrazione delle aziende da Skype for Business a Microsoft Teams avvenuta negli ultimi mesi, queste funzionalità non sono state a loro volta migrate nel nuovo tool, anche per gli headset dotati di certificazione SfB come, appunto, le Jabra Evolve 65e.
In particolare, con Teams:

  • Il mute/unmute funziona, ma l’icona del microfono sull’applicazione non si aggiorna (quindi non avrete alcun feedback visivo se non un alert di Teams che vi avvisa di star parlando a microfono spento)
  • Alert con vibrazione e spia di occupato non funzionano

Per quanto riguarda Skype for Business, invece, per poter usufruire delle suddette funzionalità extra, il dongle USB è, come detto, fondamentale. A prescindere da ciò, consiglio comunque di utilizzare il Jabra Link 370 col computer, in quanto Windows 10 gestisce in maniera un po’ problematica la connessione nativa tramite Bluetooth identificando 2 headset (versione Stereo e Hands-free) con una resa audio di gran lunga inferiore a quella garantita dal dongle.

Infine, chi preferisce personalizzare la propria esperienza audio può acquistare Jabra Direct o scaricare l’app Jabra Sound+, tramite cui giocare con l’equalizzatore ed attivare l’HearThrough, una particolare funzione software che limita l’isolamento acustico permettendo all’utente di ascoltare anche i rumori ambientali. Si tratta di una funzione molto importante quando si è in giro, magari impegnati in una conversazione o coinvolti emotivamente in una bella canzone, pertanto consiglio di attivarla. Tra le funzioni extra, da segnalare la compatibilità con i 3 assistenti vocali principali: Alexa, Siri e Google Assistant.

Ulteriori informazioni

Per rimanere aggiornato sulle ultime novità, continua a seguire la rete Social di Nextgentech.it, tramite la pagina Facebook.

CONDIVIDI SU:Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter

VALUTAZIONE
Commento finale
In un periodo così delicato come quello che stiamo vivendo, ed in cui il remote working viene favorito oltre ogni misura, un headset come Jabra Evolve 65e diventa un alleato indispensabile. Gli auricolari garantiscono un’ottima comunicazione e diverse feature extra, purtroppo al momento compatibili al 100% solo con l’utilizzo di Skype for Business, per il quale il dispositivo è anche certificato. Leggero, poco ingombrante e dotato di ottimo dongle USB per una migliore esperienza, potenziata ancora di più da feature software di manipolazione audio (cancellazione del rumore ambientale in ascolto e su microfono, extra da app).
8
Progettazione e materiali 8,5 Design 8,5 User Experience 8 Caratteristiche extra 7,5
PRO
Leggero e poco ingombrante
Ottima qualità
Diverse funzioni extra
CONTRO
Purtroppo le funzioni extra non sono pienamente compatibili con Microsoft Teams
Per una migliore esperienza d'uso, è necessario collegare il dongle Jabra Link 370

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.