Dopo l’ottima prova dell’Amazfit GTS 3, non potevo non guardare al parente più stretto e “tondeggiante”, l’Amazfit GTR 3, un potente smartwatch che porta con sé alcuni tratti distintivi molto importanti per emergere all’interno del segmento degli smartwatch Amazfit.

Amazfit GTR 3 – Recensione

Specifiche tecniche

Dimensioni schermo1,39”
Risoluzione454 x 454 px
Densità pixel326 ppi
ImpermeabilitàFino a 5 ATM
Capacità batteria450 mAh
Durata batteria21 gg
Peso32 gr

Confezione e materiali

Il packaging di Amazfit GTR 3, così come parte del design, ricalca quanto già visto con l’Amazfit GTS 3, a partire dall’assenza di cinturini alternativi e dall’utilizzo di una base di ricarica proprietaria. Il form factor dello smartwatch riprende la cassa circolare tipica degli orologi tradizionali, con un display AMOLED Ultra HD, ovviamente touchscreen, di circa 1,39 pollici. La risoluzione e la densità dei pixel si pongono a metà strada tra il GTS 3 e il GTR 3 Pro, ma nell’uso quotidiano questa differenza passa del tutto inosservata. Un altro punto di divergenza in termini di design e costruzione rispetto alla variante GTS è la presenza del doppio tasto fisico, mentre non cambiano i materiali utilizzati, con un corpo in alluminio attorno alla cassa, policarbonato nell’area sensori e silicone per il cinturino.

Tra le soluzioni attualmente in vendita, il GTR 3 conta 2 varianti cromatiche (nero e grigio – tendente al color sabbia) entrambe in silicone; chi è alla ricerca di un cinturino più ricercato, potrebbe affacciarsi alla versione Pro, realizzata in similpelle. Al di là dei pareri soggettivi riguardo la cassa circolare e il doppio pulsante, il GTR 3 risulta davvero molto elegante e comodo una volta indossato, nonostante pesi leggermente più del fratello rettangolare. Interessante anche l’idea di trovare sul display le tacche relative all’ora, ricalcando la volontà di Amazfit di riprodurre uno smartwatch quanto più simile ad un orologio classico.

Prestazioni e User Experience

La User Experience proposta da Amazfit GTR 3 differisce leggermente rispetto a quella del GTS, perché a bordo del terminale troviamo 2 pulsanti fisici anziché uno. Quello in alto è il pulsante di riferimento per tutte le operazioni, che serve a navigare tra le opzioni e le app, e a richiamare la funzionalità ad accesso rapido tramite pressione prolungata (la feature predefinita è Alexa). Il secondo tasto, posto inferiormente, è riferito esclusivamente alla gestione dell’attività fisica, per il rilevamento, il monitoraggio ed il tracciamento degli allenamenti.

A livello di funzionalità e progettazione software, non sussistono particolari differenze tra l’Amazfit GTR 3 e GTS 3. Anche in questo caso tutto gira su Zepp OS, supportato anche su smartwatch attraverso un’app dedicata per la centralizzazione delle opzioni e dei dati raccolti. Ritroviamo il sensore BioTracker, le 150 attività monitorabili, il sistema PAI, le altre app e la gestione delle notifiche che abbiamo già analizzato – per maggiori informazioni, rimando alla recensione del GTS 3. La differenza importante sta però nell’autonomia, perché il GTR 3 è di gran lunga lo smartwatch che assicura più tempo di vita con una singola carica: ben 21 giorni con utilizzo standard, circa il doppio di GTS 3 e GTR Pro. La differenza con quest’ultimo, oltre ai dettagli fisici, sta nell’assenza del sensore di rilevamento della temperatura corporea, elemento che soprattutto nell’ultimo periodo ha assunto maggiore importanza – ma non certo indispensabile durante l’utilizzo quotidiano.

Ulteriori informazioni

Per rimanere aggiornato sulle ultime novità, continua a seguire la rete Social di Nextgentech.it, tramite la pagina Facebook.

CONDIVIDI SU:Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter

VALUTAZIONE
Commento finale
Amazfit GTR 3 è uno smartwatch che potrebbe essere preso come esempio, non soltanto perché a livello fisico si presenta raffinato e ben costruito, ma soprattutto per l’incredibile autonomia che riesce a garantire, puntando a circa 3 settimane. È notevole constatare come l’ottima durata della batteria non ha dovuto compromettere altre caratteristiche del device, che può contare sul medesimo pacchetto software e di sensori a bordo del fratello GTS 3, cui autonomia si attesta a circa metà durata. Insomma, un ottimo regalo di Natale e una ghiotta occasione per gli acquisti futuri.
8,5
Progettazione e materiali 8,5 Caratteristiche hardware 8,5 Design 8 User Experience 8,5
PRO
Ottima autonomia
Elegante e comodo
Ricco di funzioni
Rilevazioni precise
CONTRO
Non rileva la temperatura corporea