L’attenzione dei produttori smartphone verso il settore audio rimane costante, e sempre più modelli cominciano a presentare altoparlanti stereo e DAC compatibili con l’ecosistema hardware mobile. Nonostante i continui raffinamenti, però, l’esperienza sonora prodotta dagli smartphone anche di fascia alta, non è certo compatibile con quella richiesta dagli audiofili. Non a caso, FiiO, uno dei produttori audio più all’avanguardia e attenti ai bisogni degli appassionati, continua a sfornare player mp3 ad alta fedeltà, alternando modelli pensati per lo sport, dunque leggeri e compatti, con varianti più potenti. In questo articolo analizziamo l’ultimo arrivato, FiiO M6, un player che per molti versi si propone come un piccolo smartphone finalizzato all’ascolto musicale.

FiiO M6 – Recensione

Specifiche tecniche

Display LG IPS 3,2” con risoluzione 480×800
CPU Exynos 7270 14nm 1ghz
RAM 768 MB
Line output THD+N?0.002% | SNR ?117dB (A-weighted)
Formati HD DSD?DSD64?128?iso”“.dsf”,“.dff”?
APE(Fast): 192 kHz/24 bit
APE(Normal): 192 kHz/24 bit
APE (High): 192kHz/24 bit
APE (Extra High): 48kHz/24 bit
APE (Insane): 48kHz/24 bit
FLAC: 192 kHz/24 bit
WAV: 192 kHz/64 bit
Aiff?192 kHz/24 bit
Aif:192 kHz/24 bit
WMA Lossless: 96 kHz/24 bit
Apple Lossless: 192 kHz/24 bit
Bluetooth 4.2
Storage 4 GB (circa 2 GB utilizzabili) espandibile fino a 2 TB
Batteria 1200 mAh
Dimensioni 53.3 × 92.5 ×11.5
Peso 83 grammi

Confezione e progettazione

FiiO_m6 (2)I modelli più recenti di FiiO hanno abbandonato il layout “da player mp3”, sposando le forme degli smartphone. Il risultato di tale progettazione consiste nella realizzazione di lettori molto simili ai telefoni, nelle fattezze e nel software. FiiO M6 si presenta con una carcassa nera lucida con gli angoli molto arrotondati, dalle dimensioni super tascabili: un rettangolo di circa 53x92x11, alto poco più di metà smartphone e leggermente più stretto.

Il display è pannello IPS di LG da 3,2” con risoluzione 480×800: da questo punto si poteva fare di più per ridurre le cornici, dato che su tutti i 4 lati c’è molto margine tra schermo e bordo, e non è previsto nessun tasto soft touch nella parte inferiore. I tasti fisici, di forma circolare, sono disposti quasi tutti sul lato sinistro: oltre al pulsante play/pause troviamo quelli del volume, separati, che sostituiscono la classica rotella. Sull’altro lato c’è lo slot microSD per espandere la memoria da 4 GB a massimo 2 TB. Sul lato inferiore troviamo la porta Type-C adibita alla ricarica e alla connessione di un DAC, mentre in alto è posizionato il pulsante di accensione/spegnimento e il jack audio da 3,5 mm.

Il player è disponibile in Italia sullo store di Playstereo, e-commerce specializzato nella vendita di articoli audio di qualità. All’interno della confezione FiiO nasconde sempre grandi sorprese, e pur non essendo davanti a un top di gamma, il produttore non ha lesinato in extra, proponendo una cover gommata che aumenta notevolmente il grip – certo, un po’ a discapito dell’appeal perché nasconde l’effetto glass sulla board in alluminio.

Il comparto hardware

FiiO M6 è supportato da una scheda tecnica imbastita ad hoc per supportare agevolmente le funzioni previste. Il core audio è composto da un DAC ES9018Q2C, mentre la connettività trova risposte nel WiFi 2.4 G (in effetti il 5.0 è un po’ inutile al momento, per questo tipo di prodotto) e Bluetooth con LDAC/HW/aptX, aptX HD/SBC. Non ho rilevato alcun problema con il pairing di cuffie ed auricolari, di diversa natura e compatibilità BT. In particolare, M6 è dotato di un modulo 4.2: forse da questo punto di vista si poteva azzardare il 5.0, che già nel 2018 ha cominciato a farsi strada su smartphone. Come anticipato nella disamina del layout, FiiO M6 è dotato di un singolo jack da 3,5 mm, che tramite software può essere impostato a line-out per ospitare un AMP esterno. Per utilizzare un DAC è invece necessario sfruttare la porta Type-C.

FiiO_m6 (8)Per quanto riguarda l’esperienza audio, siamo ormai davanti a un brand che sa farsi aspettare e non nasconde spiacevoli sorprese. M6 si comporta benissimo con qualsiasi frequenza, in particolare quelle medie, e il suono rimane pulito e privo di distorsioni. Non ho notato alcuna differenza di qualità tra le varie modalità d’ascolto (DAC, AMP, auricolari cablate e non, cuffie cablate e non). La compatibilità è rimasta la stessa: FiiO M6 accoglie praticamente tutti i formati audio in circolazione, ad alta e bassa fedeltà.

Con 1200 mAh di batteria, l’autonomia del player si attesta all’incirca tra le 11 e le 14 ore in riproduzione, a seconda di quanto giocherete con il touch. Lo standard è rispettato, ma si poteva fare di più. Stesso discorso per lo storage, perché i 2 GB su 4 utilizzabili dall’utente costringono senza mezzi termini ad equipaggiarsi di una scheda microSD, che invece dovrebbe essere opzionale.

Esperienza utente

FiiO_m6 (7)Anche per M6 FiiO conferma il suo pacchetto software che, a partire da una versione base di Android, viene rinforzato con alcuni elementi customizzati. Siamo quindi di fronte a una “FiiO Experience” in tutto e per tutto, che per un lettore mp3 vuol dire un dispositivo dotato perlopiù di settaggi dedicati a funzioni di connettività e una buona applicazione per l’ascolto musicale e la gestione delle tracce.

Il punto debole dell’app Musica rimane ancora il design, con funzioni troppo nascoste e vincolate alle gesture; l’esposizione delle informazioni è chiara, ma un po’ fuori standard per le ultime direzioni prese in ambito mobile. Manca, in sostanza, un ridesign in chiave moderna, che possa rispecchiare le scelte di User Experience dettate dalla versione più recente di Android e già incluse nelle app per smartphone. L’esperienza è ancora lontana dal considerarsi una variante del mondo smartphone, e anche se non c’è un Play Store sono diverse le app preinstallate nel package e le impostazioni generali. In particolare fa piacere trovare applicazioni di streaming musicale come Spotify e AirPlay, e grazie a FiiO Link è possibile connettere il player allo smartphone in Bluetooth per la condivisione dei contenuti audio.

Il pannello IPS di cui è dotato FiiO M6 è un buon display, leggibile sotto al sole e tarato con la giusta sensibilità. Nessun problema con le interazioni sui bordi, nemmeno con utilizzo prolungato. Da questo punto di vista, non ho notato neppure alcun surriscaldamento o lentezza provocata da overload. Se da una parte le cornici troppo spesse sono catalogabili come “contro” in termini di design, va detto che dal punto di vista dell’utilizzo ci salvano da azioni involontarie tenendo il lettore in tasca. Personalmente ritengo sbagliata la posizione del tasto ON/OFF, usato anche per bloccare il player: lo avrei messo esattamente dove è stato disposto il pulsante play/pause, molto più semplice da raggiungere e in linea con l’esperienza mobile. Ovviamente, bloccare il player vi permetterà comunque di gestire il volume.

Ulteriori informazioni

Per rimanere aggiornato sulle ultime novità, continua a seguire la rete Social di Nextgentech.it, tramite i canali Facebook, Twitter, Youtube e Google+.

CONDIVIDI SU:Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter

VALUTAZIONE
Commento finale
La soluzione di mezzo, per chi accetta compromessi ma non vuole rinunciare ad un’esperienza audio superiore. FiiO M6 accoglie un po’ tutti gli standard del settore, proponendosi con un design che strizza l’occhio al mondo smartphone, e con un package software interessante sebbene vincolato a una versione Android finalizzata all'ascolto musicale. Ottima l'introduzione della condivisione musicale, che apre le porte a un'evoluzione interessante dei prodotti FiiO.
7,8
Confezione 8 Progettazione e materiali 8 Ergonomia e User Experience 7,5 Design 7,5
PRO
Buona esperienza software con la condivisione musicale
Ottime performance audio
Leggero
CONTRO
Design meno ispirato del solito
Disposizioni dei tasti da rivedere

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.